cronaca

Ancora fitto il mistero di Fabro

lunedì 12 gennaio 2004

 Sono riprese oggi le ricerche del giovane disoccupato napoletano la cui auto stata trovata carbonizzata vicino a Fabro il sei gennaio. I carabinieri percorreranno le campagne intorno al paese con unit cinofile nell'ipotesi che il corpo del ragazzo possa essere stato occultato. A far propendere gli inquirenti verso il possibile decesso del giovane c' infatti il ritrovamento nell'auto di un bossolo da fucile calibro 7,65. Nel frattempo, le indagini condotte dai carabinieri di Orvieto e coordinate dal sostituto procuratore Carlo Di Bello hanno fatto emergere anche alcuni elementi di forte contraddizione tra quanto dichiarato dai genitori del ragazzo e gli accertamenti effettuati.

 La famiglia ha sostenuto che il ragazzo frequentava Fabro da oltre due mesi alla ricerca di lavoro, ma nessuno nella zona sembra averlo mai visto, n risulta che, in tutto questo lasso di tempo, abbia mai soggiornato in un affittacamere o un albergo della zona. Non si esclude comunque nemmeno la pista di una simulazione nell'intento di far perdere le proprie tracce, ma allo stato attuale, non chiaro il motivo per il quale il giovane avrebbe dovuto comportarsi in questa maniera.

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 gennaio