cronaca

"Fare chiarezza sull'ospedale"

martedì 16 dicembre 2003

La politica alza la voce nei confronti delle carenze che si registrano ormai da troppo tempo all'ospedale di Ciconia "Santa Maria della Stella". Per la giornata di domani era stata programmata una seduta straordinaria del Consiglio comunale nel corso della quale si sarebbe dovuto fare il punto della situazione alla presenza del direttore generale dell'Asl Denio D'ingecco e dell'assessore regionale alla Sanità Maurizio Rosi, ma l'appuntamento è stato rinviato a data da destinarsi a causa dell'impossibilità dei diretti interessati ad essere presenti. Cionostante, non si placa la discussione intorno alle magagne che affliggerebbero la struttura ospedaliera.

Ad andare all'attacco sono gli esponenti del centrosinistra. In particolare il capogruppo dei Sdi Franco Raimondo Barbabella che ha invitato le istituzioni ed i responsabili sanitari a fare chiarezza sul fenomeno dell'assistenza  privata all'interno dei reparti, sia per quanto riguarda i costi che gravano sulle famiglie e che hanno attualmente raggiunto livelli molto elevati, sia per quello che si riferisce ad un'ipotetica organizzazione che tirerebbe le fila di questa lucrosa attività che, sempre più spesso, viene svolta da persone provenienti dall''Europa dell'Est.

Anche il sindaco Cimicchi ha espresso preoccupazione per alcuni segnali che provengono dall'ospedale. Soprattutto in relazione ai flussi di pazienti che dall'ospedale di Ciconia verrebbero spesso indirizzati verso altre sede ospedaliere oltre che del fenomeno legato ad alcuni medici che indirizzerebbero i pazienti della struttura pubblica verso gli ambulatori privati.

Una frattura al piede blocca il direttore della Asl

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 gennaio