cronaca

Emergenza anziani, arrivano le "case quartiere"

sabato 15 novembre 2003

Il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità il regolamento per la disciplina di una nuova forma di centri d'accoglienza per anzini definiti "case quartiere".

Si tratta una nuova tipologia di servizio diurno per anziani autosufficienti in quanto fornisce una attività sociale non solo di carattere riabilitativo ma anche ricreativo. Il centro diurno polifunzionale si configura, infatti, come un servizio di accoglienza di giorno a supporto della vita quotidiana degli anziani e delle loro famiglie. Fra i servizi cosiddetti di prossimità, rappresenta un servizio sollievo di cui possono avvalersi le famiglie, secondo le loro esigenze, che hanno al loro interno soggetti dipendenti dei quali, tuttavia, non possono occuparsi durante il giorno; i centri diurni per anziani sono amche servizi di appoggio per soggetti dipendenti che non hanno il supporto della rete familiare.

I centri diurni, quali servizi di accoglienza di giorno, intendono favorire:
- il rispetto delle radici e dei legami affettivi delle persone
- l'offerta agli anziani dei supporti strumentali che per motivi diversi la famiglia non può garantire (accompagnamento e trasporto per disbrigo di pratiche, visite mediche, attività culturali e tempo libero, relazioni parentali-amicali, cura della persona, ecc.)
- un servizio di sollievo alle famiglie evitando la istituzionalizzazione in strutture residenziali.

Le caratteristiche strutturali e organizzative del centri diurni anziani permettono di facilitare il coinvolgimento delle famiglie nella gestione del Servizio, promovendo la vita di relazione, coinvolgendo gli anziani in tutte le forme associative presenti sul territorio rafforzando anche  le relazioni familiari e amicali attraverso attività ludico-culturali.

La titolarità della gestione e la regolamentazione di ciascun centro è di competenza del comune territoriale di appartenenza in caso di gestione diretta, spetta invece al Comune di Orvieto capofila dell'ambito territoriale n. 12, l'attività di verifica e controllo in caso di convenzionamento o accreditamento con soggetti privati. Attraverso il regolamento, si prevede inoltre, l'istituzione di una commissione tecnica abilitata a verificare il rispetto delle indicazioni del piano sociale regionale.

I primi due centri diurni per Anziani (case quartiere) dell'ambito territoriale n. 12 entreranno in funzione a partire dal 2004: una a servizio dei cinque comuni dell'Alto Orvietano e una per la fascia territoriale compresa tra Allerona, Castelgiorgio e Castelviscardo; nel tempo sono in programma altri centri diurni diffusi ad Orvieto e su tutto il territorio comprensoriale.




Questa notizia è correlata a:

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità