cronaca

Emergenza anziani, arrivano le "case quartiere"

sabato 15 novembre 2003

Il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità il regolamento per la disciplina di una nuova forma di centri d'accoglienza per anzini definiti "case quartiere".

Si tratta una nuova tipologia di servizio diurno per anziani autosufficienti in quanto fornisce una attività sociale non solo di carattere riabilitativo ma anche ricreativo. Il centro diurno polifunzionale si configura, infatti, come un servizio di accoglienza di giorno a supporto della vita quotidiana degli anziani e delle loro famiglie. Fra i servizi cosiddetti di prossimità, rappresenta un servizio sollievo di cui possono avvalersi le famiglie, secondo le loro esigenze, che hanno al loro interno soggetti dipendenti dei quali, tuttavia, non possono occuparsi durante il giorno; i centri diurni per anziani sono amche servizi di appoggio per soggetti dipendenti che non hanno il supporto della rete familiare.

I centri diurni, quali servizi di accoglienza di giorno, intendono favorire:
- il rispetto delle radici e dei legami affettivi delle persone
- l'offerta agli anziani dei supporti strumentali che per motivi diversi la famiglia non può garantire (accompagnamento e trasporto per disbrigo di pratiche, visite mediche, attività culturali e tempo libero, relazioni parentali-amicali, cura della persona, ecc.)
- un servizio di sollievo alle famiglie evitando la istituzionalizzazione in strutture residenziali.

Le caratteristiche strutturali e organizzative del centri diurni anziani permettono di facilitare il coinvolgimento delle famiglie nella gestione del Servizio, promovendo la vita di relazione, coinvolgendo gli anziani in tutte le forme associative presenti sul territorio rafforzando anche  le relazioni familiari e amicali attraverso attività ludico-culturali.

La titolarità della gestione e la regolamentazione di ciascun centro è di competenza del comune territoriale di appartenenza in caso di gestione diretta, spetta invece al Comune di Orvieto capofila dell'ambito territoriale n. 12, l'attività di verifica e controllo in caso di convenzionamento o accreditamento con soggetti privati. Attraverso il regolamento, si prevede inoltre, l'istituzione di una commissione tecnica abilitata a verificare il rispetto delle indicazioni del piano sociale regionale.

I primi due centri diurni per Anziani (case quartiere) dell'ambito territoriale n. 12 entreranno in funzione a partire dal 2004: una a servizio dei cinque comuni dell'Alto Orvietano e una per la fascia territoriale compresa tra Allerona, Castelgiorgio e Castelviscardo; nel tempo sono in programma altri centri diurni diffusi ad Orvieto e su tutto il territorio comprensoriale.




Questa notizia è correlata a:

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 maggio

L'Alta Tuscia riscopre i gioielli. Invito a Civita, Palazzo Monaldeschi e la Serpara

Due ori e tre bronzi per la Scuola Keikenkai al 2° Campionato Europeo di Karate Iku

Staffetta dei Quartieri. All'ombra del Duomo si corre la 51esima edizione

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello col Casal De' Pazzi

"Focus on pain" a Palazzo Alemanni. Seconda edizione per il congresso medico

Piazza del Popolo, parcheggi a disco orario non più a pagamento

"L'Eucarestia nell'arte cristiana". Conferenza Rotary in Duomo

Corso da tecnico audio e corso di informatica musicale al "Tuscia in Jazz 2016"

Alla Galleria Falzacappa Benci di passaggio i pellegrini di Giorgio Pulselli

A Guardea ed Alviano le musiche di Piovani e Morricone per il Concerto di Primavera

"Basta un Sì per cambiare l'Italia". Incontro a Sferracavallo con Luca Castelli

La Kansas State University sempre più presente sul territorio orvietano

Legambiente denuncia gravi profili di illegittimità del calendario venatorio

Il Coro degli Alpini dei Monti Lessini in concerto

Filippo Orsini relaziona su "Bartolomeo d'Alviano, Todi e l'Umbria tra XV e XVI secolo"

"Una buona stagione per l'Italia. Idee e proposte per la ricostruzione del Paese e dell'Europa"

Alla scuola Frezzolini di Sferracavallo s'inaugura la biblioteca "Sheradzade"

Nasce l'Albo sostenitori "Orvieto Cittaslow". Ecco da chi è composta la commissione

Divieto di pesca per consumo alimentare sul Paglia, scatta l'ordinanza del sindaco

"Etruschi 3D". Presentata la mostra multimediale curata dall'Associazione Historia

Che cos'è "Etruschi 3D"