cronaca

In manette la banda dei tir

mercoledì 15 ottobre 2003

Una pericolosa banda di malviventi dedita a furti e sequestri di persona ai danni degli autotrasportaori è stata sgominata in seguito a lunghe ed approfondite indagini condotte dall'ispettore della Polizia Stradale Stefano Spagnoli sotto il coordinamento del sostituto procuratore Carlo Dibello (nella foto). Le quattro persone arrestate (Ugo Russo, trentaseienne di Capua, Nicola Russo, diciannovenne residente a Teano, Carlo Maggio, quarantaduenne di Bari, e Raimondo Borrelli, napoletano di trentasette anni) sono accusati di aver aggredito un camionista che era fermo di notte in un'area di servizio lungo l'autostrada all'altezza di Fabro. Nei loro confronti sono state formulate le accuse di tentata rapina e sequestro di persona.

 L'episodio risale al febbraio del 2002. Una autotrasportatore si stava riposando quando la banda gli si avventò contro dopo aver infranto il vetro del tir che trasportava un carico di detersivi per un valore di oltre 250 mila euro. L'uomo venne legato con del nastro isolante, ma riusciì a gridare mettendo in fuga i suoi aggressori. La banda riusciì ad evitare le pattuglia della Polizia Stradale facendo ricorso ad alcune vie seondaria utilizzate dalla polizia per invertire il senso di marcia in autostrada.  

  Vennero tuttavia intercettati a Montesansavino da una pattuglia di carabinieri che li denunciraono per posseso ingiustificato di arnesi atti allo scasso. All'interno del furgone vennero trovati anche due coltelli.   I quattro, a bordo di un piccolo autocarro, vennero denunciati per possesso ingiustificato di arnesi da scasso e due coltelli. Quell’episodio, unito all’analisi di migliaia di tabulati telefonici ed alle ricostruzioni fatte dal conducente rapinato ha consentito agli investigatori della polizia stradale di Orvieto, diretti dal comandante provinciale Francesco Falciola, di risalire ai responsabili della rapina. Al momento della notifica dell’ordine di custodia cautelare tre di questi si trovavano già in carcere per rapina mentre un quarto si trovava agli arresti domiciliari.

Uno degli arrestati, Raimondo Borrelli, era una vecchia conoscenza della polstrada orvietana che nel maggio del 2002 lo aveva denunciato per violazione dell’obbligo di dimora. Si trovava nell’area di servizio di Giove, probabilmente in fase di appostamento in vista di un colpo, a bordo dello stesso autocarro, a cui era stata modificata la targa, utilizzato per la rapina di qualche mese prima. Illustrando oggi pomeriggio l'operazione, il sostituto procuratore Carlo Dibello ha avuto parole di elogio per l'acume investigativo e per la tenacia evidenziata in questa indagini dagli uomini della stradale sotto la guida dell'ispettore Stefano Spagnoli.

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 novembre

Tanta Umbria, ancora poco Orvietano nell'Atlante dei Cammini d'Italia

Mostrare per esserci, il progetto di cartellonistica per rifondare sulla bellezza Salci

Chiusa la fase congressuale del Pd, Scopetti confermato segretario

Pendolari sul piede di guerra: "Il futuro dei treni a Orvieto e il silenzio degli amministratori"

Tari, tariffe corrette e conformi alla normativa. Creta: "Non ci sono stati errori"

L'Orvietana punta il Castel Del Piano per riscattarsi dalla sconfitta

A Magione si corre l'Individual Race Attack, tanti orvietani al via

La Filarmonica festeggia Santa Cecilia. Concerto al Teatro Concordia

Parlare di violenza sulle donne per cambiare prospettiva. In Biblioteca, tre appuntamenti

Visita Pastorale del vescovo Benedetto Tuzia. Il decreto di indizione

Alla Rocca dei Papi, conferenza sul genio di Michelangelo

"Orvieto in Philosophia". Per la città della sapienza, Festival di Filosofia in Dialogo e Decade Kantian

Confetti rossi per Alessandra Polleggioni, prima laureata in Informatica Umanistica dell'Orvietano

Scuole, Variati (Upi): "Del totale dei fondi generali solo il 14 per cento destinato alle Superiori"

Ladri in azione in pieno giorno. Paura sull’Alfina

L'Università dell'Arizona presenta il progetto del Museo Archeologico "Poggio Gramignano"

In tanti agli Stati generali della Scuola. Bartolini: "Temi vitali per il futuro dei nostri giovani"

Anas, investimenti per quasi 200 milioni di euro per servizi di progettazione definitiva e fattibilità tecnico-economica

Monte Peglia e Provincia Autonoma di Bolzano, esperienze a confronto per il riconoscimento Mab Unesco

"La Natività ad Orvieto". Decima edizione per il concorso dei presepi, come partecipare

Al Museo di Palazzo Davanzati a Firenze, si presenta il volume di Lucio Riccetti

Giornata di studio su gestione pazienti con Bpco, integrazione Ospedale-Territorio

Al Museo Emilio Greco si presenta il volume "Cristo e il potere. Teologia, antropologia e politica"

Liberati (M5S): "Alta velocità? Poco chiare le risorse, Umbria tagliata fuori dalle opportunità"

Sostanze tossiche, rischio sismico. Consegnata la diffida ai sindaci

"100 Mete d'Italia", riconoscimenti a Monteleone d'Orvieto e Civita di Bagnoregio

"Il Tabarro" di Puccini risuona al Museo della Navigazione nelle Acque Interne

La Quercia

"Non fate come me". A Caffeina Incontri, l'esordio letterario di Massimiliano Bruno