cronaca

"Ma quale razzismo! Ho compiuto un'azione umanitaria"

lunedì 15 luglio 2002
Il comandante della polizia muncipale Rosario Lombardo interviene sulla polemica relativa alla presenza di una famiglia di nomadi ad Orvieto scalo. "Ho concesso a quella famiglia di rimanere lì per pochi giorni solamente per consentire al capofamiglia di incontrare il figlio che è detenuto nel carcere di via Roma. Nessuno dei residenti della zona mi ha mai cercato, nè tantomeno ho mai parlato con loro dal momento che su questa storia ho avuto rappporti solo con l'amministrazione comunale che è stata sempre informata" spiega Lombardo. Il comandante specifica che si è trattato solamente di un nucleo famigliare composto dall'uomo, la moglie, la madre e quattro figli minorenni e che la disponibilità a rimanere ad Orvieto scalo è stata concessa solamente per spirito umanitario. "Tanto è vero che nella giornata di domenica se ne sono andati proprio come avevano promesso quando mi hanno chiesto di poter rimanere per fare visita al ragazzo rinchiuso in carcere" afferma Lombardo.

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 ottobre