cronaca

Le speranze di Ismet ed una canzone di De Andrè.

domenica 17 febbraio 2002
di Giuliano Santelli
Il cuore rallenta, la testa cammina in quel posto di piscio e cemento, a quel campo strappato dal vento a forza di essere vento..." Molliq,1250 abitanti, ai confini con l'Albania, il valico di Morini, quello che le televisioni di tutto il mondo ci hanno mostrato con le interminabili file di profughi Kosovari cacciati dai Serbi. Incontriamo Ismet Vesel, il capovillaggio. Ismet uomo imponente si è messo l'abito buono per riceverci, ci racconta del paese della sua gente, ma, non ci sfugge il particolare che, al contrario di altri capivillaggi ha una lista dettagliata delle priorità degli aiuti da distribuire. Un elenco delle famiglie davvero bisognose, solo quelle delle vedove o degli orfani, ai casi sociali, si risponderà in un secondo tempo. Qui a Molliq la tragedia è iniziata un'anno prima del 99, quando i paramilitari Serbi avevano trasformato il villaggio in un loro avamposto strategico. 900 persone erano state cacciate dal paese verso Gjacova in modo che l'UCK non avesse alcun sostegno e ricovero da parte della popolazione. Nel 99 durante la guerra delle 135 case esistenti ne sono state risparmiate solo 2, tutte le altre bruciate. A Molliq, ci dice Vesel, non siamo stati con le mani in mano, ci siamo dati da subito l'obiettivo di ricostruire le nostre case,poi quando sono giunti i primi aiuti abbiamo cercato di ricostruire anche pezzi della nostra vita sociale. Prima però le case. Grazie agli Olandesi abbiamo ricostruito un ambulatorio, la CRI inglese la scuola, gli Svizzeri stanno per inaugurare l'acquedotto, i Paesi Arabi ci hanno ricostruito la Moschea.Restano 47 case da ricostruire, ma l'unica cosa che chiediamo sono i materiali per farlo. Un popolo non deve sperare sempre sull'aiuto degli altri, ma in primo luogo mettere alla prova se stesso Noi Kosovari di prove ne abbiamo dovute superare molte, e, non credo siano finite. C'è troppa instabilità politica, ancora troppe divisioni, ci vorranno anni prima di ricostruire la nostra comunità, non sarà facile ne dimenticare ne perdonare, che Dio ci aiuti. Vesel ha carattere e carisma, è il primo sul quale scommetterei per un ruolo politico. Ci siamo poi spostati in un villaggio ancora più a nord. Batusa 2000 abiatnti, 800 ragazzi da 0 a 15 anni, una percentuale altissima, la ricostruzione qui è praticamente ferma. Difficoltà di collegamento, conformazione del terreno, freddo intenso. 10 famiglie vivono ancora in condizioni drammatiche, stalle o alloggi di fortuna, anche una tenda rappresenterebbe una soluzione di "lusso". Penso all'umbria ai tanti containers ormai disponibili, dico al colonnello Salucci che quando torneremo cercheremo di chiedere alla Regione un piccolo impegno in questa direzione. Per me, Omero, Franco, Edo, Francesco e gli altri sarà difficile tornando far finta di niente. Proveremo a fare qualcosa, come abbiamo promesso, non sarà facile, spesso, da noi, la commozione del momento si trasforma in indifferenza. " Saper leggere il libro del mondo con parole cangianti e nessuna scrittura, nei sentieri costretti in un palmo di mano, i segreti che fanno paura, fin che un uomo ti incontra e non si riconosce e ogni terra si accende e si arrende alla pace." Le parole di inizio e chiusura di questa corrispondenza sono di Fabrizio De Andrè, mi sembrano davvero calzanti con ciò che fino ad oggi abbiamo visto.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 luglio

Meteo

lunedì 24 luglio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 29.1ºC 42% buona direzione vento
15:00 30.3ºC 37% buona direzione vento
21:00 20.6ºC 63% buona direzione vento
martedì 25 luglio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 25.5ºC 53% buona direzione vento
15:00 25.0ºC 52% buona direzione vento
21:00 20.1ºC 78% buona direzione vento
mercoledì 26 luglio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 25.7ºC 42% buona direzione vento
15:00 29.0ºC 20% buona direzione vento
21:00 19.8ºC 41% buona direzione vento
giovedì 27 luglio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 25.9ºC 30% buona direzione vento
15:00 29.2ºC 24% buona direzione vento
21:00 20.1ºC 50% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni