costume

Mai così "frizzante" il Palazzo del Gusto. Tutto merito di TrentoDoc

sabato 3 gennaio 2009
di laura
Mai così attivo e animato, considerando l'inverno, Il Palazzo del Gusto di Orvieto che, restituito a un nuovo e fresco decoro dai recenti lavori di manutenzione eseguiti dalla Provincia di Terni nel complesso del San Giovanni, partecipa per la prima volta a Umbria Jazz Winter: tre mostre in allestimento, tra cui la raffinatissima chicca delle ceramiche antiche e moderne riconducibili al porco cinturello di Sant'Antonio; un concerto di chitarra ogni tardo pomeriggio, che ha sempre registrato il tutto esaurito e che si conclude con una degustazione giusto all'ora dell'aperitivo; e, ogni giorno alle 17, un laboratorio del gusto con la collaborazione dei Sommelier Fisar e della condotta Slow Food. Protagonista indiscusso, con il suo limpido oro e il suo allegro, frizzante perlage, il marchio TrentoDoc, planato sulla Rupe del vino per promuovere e gemellare i suoi ottimi spumanti. A incoraggiare l'alleanza anche la presenza, a Trento, di un'istituzione molto simile a Il Palazzo del Gusto: Palazzo Roccabruna, la casa dei prodotti trentini. Tra i quattro laboratori, non caso quello di oggi, sabato 3 gennaio, è stato titolato “Verticale da brivido”: perché, se non da brivido di suspence, sono state certamente da scossa di maturo piacere le quattro grandi riserve proposte. A guidare la degustazione è stato Enrico Paternoster, direttore dell'Istituto Agrario di San Michele all'Adige, uno dei massimi esperti nazionali di spumanti. Ospite dal Trentino anche Mauro Levi, responsabile della Camera di Commercio di Trento e di Palazzo Roccabruna. Per etichette via via ascendenti, si è iniziato con un Mach Riserva del Fondatore 2004, per proseguire con un Methius 2003 e un Altemasi 2004, tutti con uvaggio misto di chardonnay e pinot nero; fino a una superba riserva Giulio Ferrari 1999, magnifica sontuosità finale, a giusto ricordo, nel nome, del fondatore della celebre casa vinicola trentina. Morbido, mai impattante, mai provocante, dal retrogusto di caffè d'orzo e sentore di miele d'acacia, il Giulio Ferrari può essere considerato una vera e propria leggenda delle bollicine. Chardonnay puro, è espressione di un vitigno localizzato a Maso Pianizza, sulle colline che incorniciano Trento, che gli esperti considerano un capolavoro della natura. Figlio di uve rigorosamente perfette, la sua maturazione è allungata sino a dieci anni, in una sfida con il tempo a cui pochissime case di metodo classico si arrischiano. Creazione di Mario Lunelli, enologo principe della casa trentina, il Giulio Ferrari è tra i vini più titolati d'Italia. Non c'è spumante che abbia raccolto tanti riconoscimenti. L'alloro chiamato a raccontare, più di ogni altro, la sontuosità delle bollicine di una bottiglia di Giulio Ferrari è stato raccolto in un confronto con il Dom Pérignon, il mito dello champagne. L'esito della degustazione verticale che aveva coinvolto sette annate non ha consacrato, tra i due, un vincitore : Giulio Ferrari e Dom Pérignon risultarono, per gli esperti, alla pari. E d'altra parte Giulio Ferrari, che fondò la sua azienda vitivinicola nel 1902 a soli 23 anni, dopo aver compiuto i suoi studi di agronomia e enologia prima alla Imperial Regia Scuola Agraria di San Michele all'Adige e poi alla celebre Scuola di Viticoltura di Montpellier in Francia, aveva lavorato per qualche tempo a Epernay, nel cuore della Champagne, per apprende i segreti della produzione dello spumante con il metodo classico, noto anche come “champenois”, che trasferirà con una sfida senza pari nel suo Trentino. Secondo quanto illustrato da Paternoster, sono i 600 metri delle colline del Trentino a determinare, per i vitigni dei TrentoDoc, un microclima paragonabile a quello della terra di Champagne; mentre il segreto del successo di questi vini dipende dall'unione tra terroir e tecnologia. Importanti anche i tempi di affinamento, che vanno dagli 11 mesi minimo fino ai 36 e oltre, per arrivare allo straordinario record del sopra citato Giulio Ferrari. Che, attenzione, si accompagna bene ad antipasti e secondi, ma non va mai forzato all'abbinamento con pasticceria e dolci. Molto soddisfatto il Direttore de Il Palazzo del Gusto, Pier Giorgio Oliveti. "Finalmente - afferma - questo luogo così a lungo decentrato e sottovalutato nonostante l'importante ruolo che può giocare nell'economia e nella cultura cittadine, comincia ad avere, sia da parte delle istituzioni che da parte dei fruitori, quell'attenzione che merita. Presto, come è noto, proprio qui partirà la collaborazione con l'Università dei Sapori di Perugia per la Scuola di Cucina dell'Istituto Alberghiero, recentemente istituito a Orvieto. Speriamo che anche questo scopo, finalmente raggiunto, contribuisca ad accrescere l'attenzione su questo contenitore e sul contributo che può dare all'appeal e allo sviluppo della città".

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 giugno

Convegno sulla Grande Battaglia di Montegabbione del '44

A Benevento il 4° Festival della Poesia italiana della LietoColle. Tema privilegiato: "L'ustione nella poesia"

Presidio ospedaliero: scontento, petizioni, problemi su problemi. Ne parliamo con il consigliere regionale Fausto Galanello

L'interrogazione del cons. regionale Galanello sulle carenze dell'Ospedale di Orvieto e le criticità del modello socio-assistenziale comprensoriale

Preoccupazione di OCC per il depotenziamento del Day Hospital Oncologico dell'Ospedale di Orvieto. Chiesto un incontro al Direttore generale

Valorizzazione del Lago di Corbara. Passa per tre fasi la proposta orvietana di restyling

La Compagnia di Teatro Integrato “Amleto in Viaggio” al Festival di Cultura Contemporanea (Ac)Cenni 2010

Assemblea programmatica per l'associazione Promogest. Si parlerà di progetti, iniziative, consuntivi, prospettive

A Monteleone tutto pronto per la "Notte dei Luminari", festa caratteristica in onore dei Santi patroni Pietro e Paolo

Ieri, oggi e domani

Sciopero generale, venerdi 25 giugno l'Umbria si ferma per otto ore

Due viterbesi sospettati dei furti di Sferracavallo e Castel Viscardo

Criticità dell'Ospedale di Orvieto. Un gruppo di cittadini orvietani invita a sottoscrivere una petizione

GENTE CHE PASSA. Orvietani dal vero tratteggiati dalla penna degli alunni di una classe della media Scalza - Signorelli

SUPER BOY

LA  SIGNORA  DEI SOGNI

Acqua: una merce o un bene comune? Ne parla sabato Luca Martinelli di Altraeconomia

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni