costume

In tempo di crisi tutto fa brodo, anche l'acqua nelle bibite

martedì 21 ottobre 2008
di jacopo
Noi italiani si sa siamo polemici per nostra natura, o almeno dicono così talmente tante persone che alla fine ci crediamo tutti. Ora non è mia intenzione aprire una sterile polemica su un argomento futile e superficiale come quello che mi appresto a trattare, sopratutto in un momento di crisi grande come questo durante il quale crollano banche e mercati. Il pensiero mi è nato l'altro giorno a Roma quando, costretto dall'ennesimo ritardo del treno di 45 minuti, sono dovuto andare a mangiare in una pizzeria. Ho preso un pezzo di pizza e un bicchiere di coca-cola. Mi siedo, bevo un sorso e mi rendo conto che è praticamente come bere acqua, per di più naturale senza bollicine. Mi viene un po' da sorridere perché qualche giorno prima ero stato in una pizzeria di Orvieto e era successa la medesima cosa. Uguale a Perugia, dove però mi sono andato a lamentare perché allungare, per di più in un in un pub, con l'acqua una birra scura, il cui sapore mi è ben noto ed allungato diventa un qualcosa di disgustoso, supera ogni umana sopportazione e, visto anche il costo non indifferente della bevanda, 6 euro, è vergognoso e al di fuori di ogni regola. Come dicevo all'inizio questa non vuole essere l'ennesima polemica inutile ma una semplice osservazione. Un'osservazione sul fatto che in alcuni locali il costo del bere è quasi uguale a quello di alcune pizze, un bicchiere di coca-cola 3.50 euro, una pizza margherita 4.50; ora visto che un semplice bicchiere di una semplice bevanda mi costa molto, e visto che il ricavo per i commercianti è molto alto già in generale su queste bibite, ancora di più con quei prezzi, almeno vorrei che la bevanda fosse normale, quella che io ho ordinato. Il trucco di allungare le bibite con l'acqua è noto e vecchio, d'estate grandi bicchieri pieni, spesso per oltre metà, di ghiaccio. In inverno invece accade che in molte pizzerie alcune bibite gassate risultino quanto meno poco frizzanti. Fino a qualche tempo fa comunque c'è sempre stato un limite. Invece ora con la crisi bisogna risparmiare e lucrare, su tutto, perché veramente, e in questo caso quasi in senso letterale, tutto fa brodo.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 gennaio

Madame Bovary

Indagine della Procura, le puntualizzazioni di Enel

Giorno della Memoria, ricordare per prevenire. Iniziative della Cgil a Perugia e Terni

Conferenza su "Il mito di Giulia Farnese: amori, potere, storia…"

Robotica e agricoltura di precisione con il Progetto Pantheon

Orvieto FC, la prima squadre batte il GubbioBurano secondo in classifica

Per la Zambelli Orvieto è un momento magico, conquistata Montecchio Maggiore

Orvietana, sconfitta pesante contro il San Sisto

Finisce in carcere per una rapina in banca messa a segno due anni fa

Sicurezza, trecento controlli in due settimane sul territorio

Rti avanza richieste economiche al Comune, Tardani interroga il sindaco

Lia Tagliacozzo presenta il libro "La Shoah e il Giorno della Memoria"

L'Istituto per la Storia dell'Umbria Contemporanea per il Giorno della Memoria

In biblioteca lettura di "Sonderkommando Auschwitz" di Shlomo Venezia

Dal Castello Baronale alla Cappella Baglioni, fino al caffè a Villa Lais

Contro Azzurra Orvieto, Campobasso resiste ma non passa

Una brutta Vetrya Orvieto Basket lascia la vetta a Perugia

Violenza di genere, firmato il protocollo d'intesa per la realizzazione del sistema regionale di contrasto

"A spasso con ABC", giornata finale per i narratori del futuro

Sul palco del Rivellino, Anna Mazzamauro è "Nuda e Cruda"

Iniziative in tutta l'Umbria per San Francesco di Sales, patrono di giornalisti e comunicatori

"Col trattore in Complanare", in 140 a Ciconia per la benedizione dei mezzi agricoli

Il consiglio regionale FIE Umbria conferma alla presidenza Giulia Garofalo

Rumori di lavori in corso a Palazzo Monaldeschi, Olimpieri (IeT) interroga il Comune

Al Concordia, serata dedicata al teatro con "Il Canto del Gallo"

Comitato Scansano Sos Geotermia: "Il pericolo non va esportato in Maremma"