costume

Medioevo, che passione! Il Corpus Domini chiude i lunghi festeggiamenti orvietani

domenica 18 giugno 2006
di Davide Pompei
Nell’anno del Signore 2006, addivenne il dì 18 di giugno, a lo mattino de lo giorno ne la piazza de lo mercato, vedere uscire da lo Palazzo de lo Popolo agghindato con li stendardi della festa li quattro quartieri de la città di Urbe Vetus, ne lo ordine: Corsica, Stella, Serancia et Olmo. Preceduti ne la sera de la vigilia de lo Corpus Domini da la sfilata de le consorti dame e damigelle, da li sbandieratori di Vignanello e da li duellanti di Soriano del Cimino; anticipati da lo suono de li tamburi e de le chiarine, onorevoli messeri, aitanti cavalieri a capo di robuste milizie e saggi reggitori della nobilissima città, sfilarono per le vie cittadine, con orgoglio e fierezza, sotto lo sguardo attento e rapito dell’urbe tutta e del felicissimo contado accorso. Nobili et popolo, gente di lettere e di toga, mercanti et artieri di ogni arte, giudici co lo volto segnato da lo tempo e da la esperienza e perfino qualche virginea donzella invasero pacificamente la Rupe per partecipare a lo tradizionale giubilo de l’antica festa de lo Sacro Lino. Le donne, i cavalier, l’arme e gli amori, le cortesie, l’audaci imprese. L’Umbria rivive tra maggio e giugno la famigerata età di mezzo, veste le sue traballanti torri di stendardi, lustra le armature custodite nei castelli fortificati e sguinzaglia giullari e saltimbanchi nelle sue corti dei miracoli. La trafila dei secoli bui recupera il suo posto d’onore nel cammino dell’umanità, lasciando la sua brava impronta nel quotidiano arrancare dei moderni occidentali, assai lontani da trasognati sospiri e desideri mal sopiti di cortesi dame. Il Medioevo orvietano mostra il lato festoso e solenne, non perpetua la caccia alle streghe, non trasuda l’arretratezza culturale e le discriminazioni di genere degli anni degli untori e dell’inquisizione. Anni trascorsi a suon di bolle papali e cozzare di armi, macellazione del porcello e giorni di penitenza, case di legno e pestilenza, arcieri e balestrieri. Dal terrore per il peccato alla promiscuità forzata, quello del Medioevo è un mondo affascinante, instabile nonostante fosse gerarchizzato tra chi lavorava, chi combatteva e chi pregava e informato da Santa Romana Chiesa. Ordini monastici stratificati, tensioni fra signori e vassalli, astuti mercanti e delitti improvvisi, accese vendette tra opposte fazioni. Un ambiente ostile, in continuo rivolgimento, ma anche semplice, privo di sovrastrutture, concreto. Il medioevo è l’epoca del riconoscimento cromatico, che prima di sfociare nella discriminazione delle razze, veniva affidato agli sbandieratori che in guerra segnalavano, con i colori nell’aria, l’appartenenza ai rispettivi casati. Tutti marciano al ritmo del tamburo in un tam tam primordiale che rappresenta il simbolico tema del battito del cuore, la fisicità che va a tempo con le vibrazioni dello strumento. Età, altezza, corporatura e fisionomia dei personaggi sono alla base del reclutamento dei figuranti e dell’impersonificazione di un particolare ruolo. Il fermento enorme di cui è pregna Orvieto nei giorni del Corpus Domini è la gioia di indossare o vedere sfilare sotto i propri occhi l’orvietanità tramandata e la tradizione rinnovata. Ma anche l’accoglienza riservata a chi pur non essendo del posto, fa parte della città. Dal 1951 di parate ce ne sono state tante, nel tempo tanti sono i volti che si sono avvicendati e molte le innovazioni apportate, ma quella che è cresciuta è l’anima di chi indossa i costumi, calandosi nel ruolo. Prima di richiudere gli armadi e riporre i drappi appesi alla finestra, c’è ancora tempo per ricordare le parole di Fossier che, discorrendo di medioevo, con un filo di rimpianto, parlava di “un mondo dove il buon prodotto importava più del guadagno, il sentirsi fratelli più dell’esser compagni, il bene comune più dell’interesse privato, la rassegnazione più dell’iniziativa, la collettività più del singolo”. Parlava di secoli che, in fondo, non erano poi tanto bui.

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 aprile

"Alviano, un castello da favola" tra proposte didattiche ed animazioni in costume

Quale venticinque aprile?

Oltre 250 persone alla presentazione del libro "Erminia Frezzolini. La signora della lirica"

Otto nuovi campioni regionali al Trofeo Arcobaleno Fidal

Premio Letterario Città di Lugnano, ecco i nomi che compongono la giuria

Numero Umbria Sanità, per abbattere le barriere tra il sistema sanitario e i cittadini

Arte in movimento al Colle del Duomo, visite guidate a passo di danza

Marini scrive a Ruggiano: "25 aprile da celebrare tutti uniti"

Gli ex sindaci di Todi scrivono al loro successore: "Riveda la sua posizione"

"Manciano Street Music Festival", dal 7 al 10 giugno l'edizione 2018

Problemi sulla Direttissima, pendolari dirottati sulla linea Lenta

Il messaggio dell'Amministrazione Comunale: "Viva il 25 Aprile, viva la Libertà"

Protocollo tra Comune e Unipg per studiare le proprietà cosmetiche e salutari delle argille

La Vetrya Orvieto Basket si aggiudica Gara 1 di Semifinale

La Biblioteca fiorisce di iniziative per "Il Maggio dei Libri 2018"

Orvieto accoglie i partecipanti de "La Carrareccia Liberata"

Piazza del Popolo, Piazza Vivaria e Piazza Corsica, ecco cosa cambia

Anche ad Orvieto arriva la Carta d'Identità Elettronica

Messa in sicurezza del muro, divieto di sosta in Via Cesare Nebbia

Presentato "Metamorfosi 2. Riciclo Creativo", un sogno di carta che si fa solidale

Ballata alla maniera di Faber

Zambelli Orvieto, una debuttante che comincia a fare paura

Caccia in Umbria, ecco la proposta di Calendario Venatorio 2018/2019 preadottata

"Italia Nostra invita la Soprintendenza umbra a formulare un parere che salvaguardi Orvieto"

Seconda edizione per "Orvieto a tutta birra". In Piazza del Popolo, la Festa della Birra Artigianale

Torna "Il Cantamaggio" a Ciconia, ecco come cambia la viabilità

Modifiche alla viabilità, il mercato trasloca in Piazza Cahen

Colpo di scena in Consiglio Comunale. Loriana Stella dimissionaria

Patto di amicizia fra Orvieto e Pesaro nel segno di Padre Gianfranco Maria Chiti

"Tentazioni", personale di pittura di Ioan Pascu al Centro Studi "Città di Orvieto"

Sei nuovi ingegneri "junior" dal Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni di Orvieto

"Voci del Sacro". Sabato 24 aprile a Guardea la "Passio secondum Joannem"

In difesa del Tribunale di Orvieto: interrogazione Belcapo in Consiglio. Barberani: "L'aria che tira non è incoraggiante"

Interrogazione Gialletti sulla disciplina transitoria riguardante gli allietamenti: "Tutti devono attenersi a delle regole". Il Sindaco: "a molti sfugge la distinzione tra allietamento ed intrattenimento"

"La scultura lignea in Italia, in Umbria e nella Diocesi". Sabato 24 aprile seminario a cura della associazione "Pietre Vive"

Episodi di vandalismo, a matrice politica e non, compiuti nel territorio comunale. Rosmini: "deplorevoli e frutto di stupidità"

Ancora su Commercio e Turismo. Chi discrimina chi?

Anas, i diserbanti utilizzati sulle strade di competenza non sono dannosi né per l'uomo né per l'ambiente

Effetto Stella: entra in Consiglio Cecilia Stopponi

Vicenda Grinta Srl. Tutto rimandato a fine maggio, l'azienda ha tempo un mese per trovare soluzioni concrete

"Dalla traccia alla prova. Il contributo dei RIS all'attività della Polizia Giudiziaria e della Magistratura": Fabro incontra i suoi illustri cittadini

L'Italia che non finisce di stupire. Assurda la proposta Fieg sulla tassa Internet per finanziare l'editoria

Guido Scorza: "LÂ’idea è inaccettabile e giuridicamente illegittima. Nel Paese dei dinosauri paga sempre l'innovazione"

Il Gala perde e attende l'ultimo impegno. In arrivo il 1° Torneo Gala5

I legali degli indagati all'opera per il dissequestro: "in regola i permessi per costruire"

Lo stalking diventa reato autonomo. Non tutto è perfetto ma si esce finalmente dal silenzio

Viabilità, sicurezza e servizi all'area residenziale ed industriale di Bardano, respinta in Consiglio la mozione del Gruppo Misto

Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni di Orvieto: laureati altri otto ingegneri "junior"

Istituite forme di previdenza e assistenza complementare per il personale della Polizia Municipale

Il Comune di Orvieto aderisce alla Carta Europea per l'uguaglianza e le parità fra donne e uomini nella vita locale

Paolo Trippini scelto per concorrere al premio "Miglior Chef del Centro Italia"

Vauro e la Rai, tra nuovi partigiani e vecchi regimi

Le cave si stanno mangiando il bel Paese. Un contributo alla Settimana della Cultura

1600 euro i fondi raccolti dai Giovani Democratici per l'Abruzzo

25 aprile: "E' una ricorrenza di tutti, festeggiamola insieme". Molte le iniziative a Orvieto e nel Comprensorio

A Castelviscardo incontro tra Fausto Ermini e Massimo Tiracorrendo

A San Venanzo intitolazione della Biblioteca Comunale a Stefano Millesimi. Mostra personale di pittura dell'artista

Passeggiata ecologica a San Venanzo

La Sapienza intitola a Sante De Sanctis l'aula magna delle facoltà di Psicologia

A Montegabbione incontro su "La battaglia dimenticata". Pomeriggio sportivo con la cronoscalata Faiolo-Montegabbione

Ad Orvieto in mostra le opere di Paolo Antonini

"Un Canto per la Vita". Al Palazzo dei Congressi la Corale Polifonica della Cattedrale di Orvieto

25-26 aprile sull'altopiano dell'Alfina manifestazione di aeromodellismo

Partito da Orvieto il VII Giro Podistico dell'Umbria sotto il maltempo