costume

Medioevo, che passione! Il Corpus Domini chiude i lunghi festeggiamenti orvietani

domenica 18 giugno 2006
di Davide Pompei
Nell’anno del Signore 2006, addivenne il dì 18 di giugno, a lo mattino de lo giorno ne la piazza de lo mercato, vedere uscire da lo Palazzo de lo Popolo agghindato con li stendardi della festa li quattro quartieri de la città di Urbe Vetus, ne lo ordine: Corsica, Stella, Serancia et Olmo. Preceduti ne la sera de la vigilia de lo Corpus Domini da la sfilata de le consorti dame e damigelle, da li sbandieratori di Vignanello e da li duellanti di Soriano del Cimino; anticipati da lo suono de li tamburi e de le chiarine, onorevoli messeri, aitanti cavalieri a capo di robuste milizie e saggi reggitori della nobilissima città, sfilarono per le vie cittadine, con orgoglio e fierezza, sotto lo sguardo attento e rapito dell’urbe tutta e del felicissimo contado accorso. Nobili et popolo, gente di lettere e di toga, mercanti et artieri di ogni arte, giudici co lo volto segnato da lo tempo e da la esperienza e perfino qualche virginea donzella invasero pacificamente la Rupe per partecipare a lo tradizionale giubilo de l’antica festa de lo Sacro Lino. Le donne, i cavalier, l’arme e gli amori, le cortesie, l’audaci imprese. L’Umbria rivive tra maggio e giugno la famigerata età di mezzo, veste le sue traballanti torri di stendardi, lustra le armature custodite nei castelli fortificati e sguinzaglia giullari e saltimbanchi nelle sue corti dei miracoli. La trafila dei secoli bui recupera il suo posto d’onore nel cammino dell’umanità, lasciando la sua brava impronta nel quotidiano arrancare dei moderni occidentali, assai lontani da trasognati sospiri e desideri mal sopiti di cortesi dame. Il Medioevo orvietano mostra il lato festoso e solenne, non perpetua la caccia alle streghe, non trasuda l’arretratezza culturale e le discriminazioni di genere degli anni degli untori e dell’inquisizione. Anni trascorsi a suon di bolle papali e cozzare di armi, macellazione del porcello e giorni di penitenza, case di legno e pestilenza, arcieri e balestrieri. Dal terrore per il peccato alla promiscuità forzata, quello del Medioevo è un mondo affascinante, instabile nonostante fosse gerarchizzato tra chi lavorava, chi combatteva e chi pregava e informato da Santa Romana Chiesa. Ordini monastici stratificati, tensioni fra signori e vassalli, astuti mercanti e delitti improvvisi, accese vendette tra opposte fazioni. Un ambiente ostile, in continuo rivolgimento, ma anche semplice, privo di sovrastrutture, concreto. Il medioevo è l’epoca del riconoscimento cromatico, che prima di sfociare nella discriminazione delle razze, veniva affidato agli sbandieratori che in guerra segnalavano, con i colori nell’aria, l’appartenenza ai rispettivi casati. Tutti marciano al ritmo del tamburo in un tam tam primordiale che rappresenta il simbolico tema del battito del cuore, la fisicità che va a tempo con le vibrazioni dello strumento. Età, altezza, corporatura e fisionomia dei personaggi sono alla base del reclutamento dei figuranti e dell’impersonificazione di un particolare ruolo. Il fermento enorme di cui è pregna Orvieto nei giorni del Corpus Domini è la gioia di indossare o vedere sfilare sotto i propri occhi l’orvietanità tramandata e la tradizione rinnovata. Ma anche l’accoglienza riservata a chi pur non essendo del posto, fa parte della città. Dal 1951 di parate ce ne sono state tante, nel tempo tanti sono i volti che si sono avvicendati e molte le innovazioni apportate, ma quella che è cresciuta è l’anima di chi indossa i costumi, calandosi nel ruolo. Prima di richiudere gli armadi e riporre i drappi appesi alla finestra, c’è ancora tempo per ricordare le parole di Fossier che, discorrendo di medioevo, con un filo di rimpianto, parlava di “un mondo dove il buon prodotto importava più del guadagno, il sentirsi fratelli più dell’esser compagni, il bene comune più dell’interesse privato, la rassegnazione più dell’iniziativa, la collettività più del singolo”. Parlava di secoli che, in fondo, non erano poi tanto bui.

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 novembre

Il disco dei Cherries alza il sipario sulla nuova stagione del Teatro Santa Cristina

Il Vetrya Corporate Campus si amplia. Nuove aree e servizi aperti alla comunità

"Stop discarica". Assemblea pubblica al Centro Anziani di Ciconia

Il Comitato Civico per il Diritto alla Salute-Art.32 chiede un'adeguata risposta sanitaria

La rosa, le spine

Motore in avaria, aereo rientra in aeroporto: paura per famiglia orvietana

Ramona Aricò ci crede ed incoraggia la Zambelli Orvieto

"Gli Etruschi parlano". Presentato a Paestum il progetto in realtà aumentata

Non applicazione della quota variabile della Tari alle pertinenze

"Le città del futuro", anche Vitorchiano a Montecitorio

A "Cuochi d'Italia", Valentina Santanicchio si aggiudica la vittoria sul Veneto

Danza e teatro, al Boni "Tempesta" e "La Giara. Un meraviglioso regalo"

A Villa Umbra, gli stati generali su scuola e sistema di istruzione e formazione professionale

Accattonaggio molesto, CasaPound avvia una raccolta di firme

Accesso ai bandi europei, si rafforza la collaborazione tra scuola ed Anci Umbria

"Legalità, mi piace". Oltre 300 studenti delle superiori partecipano all'evento di Confcommercio

False "Catene di Sant'Antonio" di WhatsApp. L'appello di Polizia Postale e Sportello dei Diritti

Il questore di Terni in visita al Comune di San Venanzo

Il Comune stanzia 116.000 euro per asfaltature e installa pannelli luminosi con limiti a 50 km/h

Lotta al tumore al pancreas, il Comune s'illumina di viola

Via ai lavori di pavimentazione sulla strada statale 205 "Amerina"

Civita di Bagnoregio e Gubbio, due casi di studio per Orvieto

Weekend intenso per l'Orvieto FC. Esordio in campionato per i Giovanissimi

Giornata dei Diritti dell'Infanzia, l'artista Salvatore Ravo realizza un murale per la Festa dell'Albero

Nuova ondata di furti, impegno congiunto tra istituzioni e carabinieri

Alessandro Carlini presenta "Partigiano in camicia nera. La storia vera di Uber Pulga"

Due giorni di appuntamenti per la sesta edizione per "Olio diVino"

La "Festa dell'Olio" di Montecchio compie 42 anni

A 12 anni dalla scomparsa, Orvieto ricorda Padre Chiti. Il programma delle celebrazioni

Dal Bianconi al Rivellino, piovono spettacoli nella Tuscia dei teatri

Le ragioni del No. Incontri a Orvieto, Acquapendente e Castel Giorgio

La Fondazione per il Csco è di nuovo accreditata quale agenzia formativa presso la Regione

Al Teatro dei Calanchi è di scena "Abdullino va alla guerra"

Bandiera verde a "Il Secondo Altopiano", qualità e impegno quotidiano per l'agricoltura naturale

Alessandro Benvenuti torna al Boni da protagonista con lo spettacolo "Chi è di scena"

Approvata la convenzione per istituire l'Ufficio speciale ricostruzione post sisma 2016

La Scuola dell'Infanzia di Pantalla dedica un'aula alla "maestra Barbara"

Le eccellenze dell'Umbria in vetrina alla Borsa internazionale del turismo enogastronomico

Iniziati i lavori alla scuola di Giove, 205 studenti trasferiti a Guardea e Penna in Teverina

Psr 2014-2020, operativi i cinque Gal dell'Umbria, a disposizione 32 milioni di euro per sviluppo locale

XXXIV Trofeo delle Regioni, convocati otto nuotatori della Uisp Orvieto Medio Tevere

Geotermia, chiesto un incontro al Mise. Nevi: "L'Umbria non ha bisogno di rinvii"

Geotermia, il centrosinistra si spacca. Fiorini: "Giunta e seguaci hanno già deciso"

Scuola, approvato il Piano provinciale offerta formativa e programmazione 2017-2018

Undicesima seduta del 2016 per il consiglio comunale. In 23 punti l'ordine del giorno

A Ficulle torna "Olio diVino". Due giorni di degustazioni, musica e convegni

Gestione dei rifiuti, Rotella (Porano Bene Comune) interroga l'amministrazione

Geotermia al Bagnolo. Ambientalisti cauti: "C'è poco da esultare"

Cambio al vertice della Cro. Comitato risparmiatori: "Disponibili al confronto"