ambiente

Anche Città di Castello dice basta ai rifiuti di tutta la comunità provinciale

venerdì 4 gennaio 2019
Anche Città di Castello dice basta ai rifiuti di tutta la comunità provinciale

"Siamo oltre ogni limite". Anche il sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta dice basta ad accogliere tutti i rifiuti provenienti dall’intera comunità perugina a causa di una mancanza di programmazione della materia e per impossibilità oggettiva di gravare il piccolo impianto di Belladanza di simili quantitativi. Come annunciato, giovedì 3 gennaio, il primo cittadino ha convocato una conferenza stampa per fare chiarezza sulla vicenda.

Presenti anche l’assessore comunale Massimo Massetti e il presidente e vice presidente del Consiglio comunale rispettivamente Vincenzo Tofanelli e Marco Gasperi. “Si sta compiendo un tentativo di mistificazione fuori luogo” ha esordito Bacchetta, in risposta a quanti lo accusano di campanilismo. “Città di Castello ha un impianto che è stato di recente rinnovato e adeguato (inaugurazione risale al luglio scorso) il cui costo è di circa 15 milioni di euro, di cui 3 milioni da fondi regionali e da 12 milioni da una società partecipata comunale, Sogepu. Il vice sindaco di Perugia parla di questo impianto come regionale, cosa che non è affatto.

Ma questo è un punto marginale della questione. Il fatto è, invece, che si continua a non affrontare il problema. La situazione di emergenza umbra, oramai datata, viene affrontata con delibere che vanno di mese in mese, scaricando ulteriormente sul nostro impianto tutti i problemi della comunità provinciale. Da ottobre l’impianto di Belladanza ha ricevuto ben 10 mila tonnellate in due mesi. A questi ritmi questo impianto rischia di chiudere in due mesi. Non è possibile che la comunità altotibeirna debba subire ritardi e inadempienze altrui. Rischiamo di essere immolati su un altare di non programmazione. Quello che contesto è che la comunità di Perugia abbia la percezione che i problemi siano a causa del Comune di Città di Castello”.

Il Consiglio comunale di Città di Castello ha votato un documento con il quale chiedeva al proprio sindaco di intervenire affinché non ci fossero più queste situazioni. “Sono mesi che si va avanti con proroghe senza interventi di programmazione. È necessario intervenire sulle due discariche del perugino ancora oggi inspiegabilmente chiuse”. Ad entrare nel merito degli atti è stato l’assessore Massimo Massetti che ha spiegato  come “la conferenza è giunta a seguito di una serie di riunioni dei consigli direttivi dell’Auri (Autorità Umbra Rifiuti e Idrico) di cui fanno parte i sindaci che non hanno portato ad una soluzione del problema.

Nel deliberato del Consiglio direttivo del 2 novembre si fissava come data ultima per una serie di programmazioni ed elementi di valutazione al 31 dicembre 2018.  Dopodiché si è tenuto in Regione un incontro il 5 novembre convocato dalla presidente e dall’assessore regionale dove si sono ribaditi quei concetti a scongiurare quello che oggi stiamo trattando. Da quella data siamo arrivati al 28 dicembre quando l’Auri ha convocato di nuovo il consiglio, sottoponendo di nuovo una proroga al 31 gennaio 2019, termine che è stato nuovamente modificato al 21 gennakio nella riunione del 31 dicembre.

Si ipotizza un progetto preliminare per la riapertura di Borgogiglione l’11 gennaio, un progetto definitivo il 28 febbraio e nel frattempo si chiedeva la valutazione di poter utilizzare 47.500 tonnellate utilizzabili fin  da subito per conferire i rifiuti della comunità perugina. Al primo deliberato Città di Castello non ha votato un’ulteriore proroga per un mandato politico del nostro consiglio comunale”.

“La mia presenza e quella del vice presidente del Consiglio comunale – ha sottolineato Vincenzo Tofanelli – a fianco al sindaco vuole rappresentare la coesione che il Comune di Città di Castello ha assunto rispetto a questa vicenda e che il primo cittadino ha tratteggiato nei suoi aspetti principali unitamente all’assessore. Alla ripresa dei lavori alla pausa natalizia, il 7  gennaio, la questione sarà di nuovo in discussione in Consiglio. Ribadisco – ha concluso il presidente del Consiglio – la necessità di trovare una soluzione condivisa che non penalizzi la città e l’impianto di Belladanza”.

“Ribadisco le preoccupazioni espresse riguardo a una spaventosa mancanza di progettazione – sono state le parole di Gasperi -. Di mese in mese si pensa di poter risolvere la situazione rifiuti di un’intera regione. Questo è preoccupante perché aldilà dello spazio fisico di dove mettere i rifiuti e dell’innalzamento dei costi, si palesa una mancanza di volontà di affondare il problema”.

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 gennaio

Differenziata, la media si attesta al 78,12 per cento. Filiberti: "Non ci fermiamo qui"

Si è casta quando non si ha una solida formazione etica, politica e culturale

Danilo Giulietti relaziona su "Luce e colore". Conferenza ISAO a Palazzo Coelli

"Ricordiamoci di ricordare". Spettacolo al Palazzo Baronale

Pronta la nuova convenzione per l'adesione alla Centrale unica di committenza

Giorno della Memoria, due giorni di eventi per ricordare la Shoah

Nuovo Comitato Uisp Orvieto Mediotevere, Federica Bartolini presidente

Di un Eden

Bandiera Canadese

Allora non esisteva l'Erasmus

La Vetrya Orvieto Basket viene travolta dal Bastia

Lucetta Scaraffia ospite del ritiro mensile del clero della Diocesi di Orvieto-Todi

Una sconfitta, una vittoria e un pareggio per l'Orvieto FC. In settimana esordio per gli Allievi

"Dall'Amiata alla Valle del Tevere: ancora geotermia industriale o un altro sviluppo è possibile?"

Al Mancinelli Ashira Ensemble propone "Un volo leggero...Per rispondere con la vita"

Omaggio alla Catalogna. Musica, letture e mostra per il Giorno della Memoria

Esperti a convegno al Palazzo dei Congressi su "Nuove prospettive in Neonatologia"

L'Unitre Orvieto presenta il secondo quadrimestre di attività

Nasce l'associazione "Orvieto Runners". Tra gli obiettivi, la promozione del Trail Running

Letture e film a scuola per non dimenticare

Design, Verdi, Pissaro e Santa Rosa. La settimana allo Spazio Pensilina

Province, con tagli previsti a rischio blocco servizi al cittadino. Il dossier Upi presentato in Commissione Parlamentare

Terremoto, Rifondazione si appella al Consiglio Regionale: "Riappropriamoci di un intervento autonomo come nel 1997"

Fine settimana da dimenticare per la Cestistica Azzurra Orvieto

Consegnato a Cascia il secondo modulo abitativo provvisorio

"Fermate il pagamento della Tosap: poca comunicazione, cittadini in difficoltà"

Sul ruolo delle associazioni in generale e sulla Val Di Paglia Bene Comune in Particolare. Meglio chiarire

Terzo calanco? Redde rationem nel PD

Dal 12 febbraio a Orvieto il nuovo Corso di qualificazione professionale per sommelier

Imu agricola: il Tar del Lazio non conferma la sospensiva

Servizio idrico: il recupero del deposito cauzionale crea problemi agli utenti. Luciani interroga il sindaco

Ciconia - Umiltà, impegno e lavoro: la strada del successo secondo Francesco Romanini

Truffa dell'incidente alla figlia, anziana ci rimette 600 euro. Indagini a tutto campo

Opere previste dal Consorzio Val di Chiana per la mitigazione del rischio di esondazione del fiume Paglia, argomento su cui riflettere

Cordoglio per la scomparsa dell'agente di Polizia, Lorella Manglaviti

Imu agricola: il Consiglio dei Ministri cambia le altimetrie

Nel "Giorno della Memoria", Augusto Cristofori riceverà la medaglia d'onore della Repubblica

Polizia Provinciale: oltre 7 mila controlli in un anno, ma ora c'è il rischio che tutto svanisca

Orvieto Basket. L'under 19 torna alla vittoria nella trasferta contro Ponte Vecchio

Da Miami all'Azzurra Orvieto, Joanna Harden è pronta a scendere in campo

Altro derby umbro per Zambelli Orvieto che ospita il Trevi

"Il ricordo del gesto eroico di Aldo e Francesca Faina" e proiezione di "Corri ragazzo corri"

L'Istituto d'istruzione superiore scientifico e tecnico presenta il "Progetto formativo d'istituto"

Avvio partenopeo per "Risate & Risotti", poi a Orvieto per San Valentino

Azzurra Ceprini Orvieto – Reyer Venezia, palla a due iniziale al PalaPorano

Letture, flauto e violoncello al Museo delle Terrecotte