ambiente

La FederCaccia umbra rinnova l'area settoriale della caccia alla specie cinghiale

martedì 10 luglio 2018
La FederCaccia umbra rinnova l'area settoriale della caccia alla specie cinghiale

Con provvedimento recente dopo la ricostituzione della "Settoriale di caccia al cinghiale” il consiglio di FederCaccia Umbria di Perugia ha formalizzato l’area di interesse e di riferimento dei federcacciatori che esercitano tale forma di attività venatoria. La settoriale “cinghialisti” di FederCaccia è composta da una rappresentanza su base provinciale dove sono rappresentati tutti i territori con le loro sensibilità e peculiarità.

Due referenti provinciali di provata esperienza: uno per Perugia, Gianluca Coata e uno per Terni, Bernardino Breccia, con Massimo Tiracorrendo quale figura di riferimento regionale già componente del consiglio direttivo di FederCaccia Umbria, sono stati chiamati a guidare l’associazione settoriale della Fidc. Compito della settoriale sarà quello di elaborare proposte, raccogliere ogni utile indicazione, seguendo le linee di indirizzo della federazione.

Basti pensare al contenimento delle popolazioni di cinghiali con le problematiche connesse e legate al risarcimento dei danni, al regolamento per la caccia al cinghiale, in fase di integrazione e modifica; così pure riprendere la discussione sul trattamento e l’utilizzo delle carni del cinghiale in maniera seria, senza rischi e precise certezze al fine di produrre anche benefici al mondo venatorio e a quello agricolo.

Tutto questo costituisce un primo passo, un inizio che deve rappresentare come si può e si deve costruire una proposta condivisa e quindi adeguata rispetto alle istanze dei numerosissimi cacciatori della specie cinghiale e sostenibile con le altre forme di caccia e di fruizione dei territori.

Il presidente regionale di FederCaccia, Franco di Marco nel giorno dell’insediamento a Perugia dei referenti della settoriale “cinghialisti” ha ribadito l’importanza fondamentale di una attività capillare di “audizione”, ascolto che viene direttamente dai territori e che si dovrà concretizzarsi con una proposta che FederCaccia Umbria sarà poi chiamata ad elaborare e portare avanti.

I referenti settoriali nominati, fin da subito hanno assunto l’impegno di promuovere riunioni, incontri con i federcaccaitori e con chiunque abbia un interesse alla gestione di questa specie, su temi e linee guida assegnati da FederCaccia Umbria.

“L’associazione settoriale cinghialisti di FederCaccia Umbria - ribadisce il referente regionale neonominato, Massimo Tiracorrendo - intende agire anche sulle tematiche di miglioramento della sicurezza di questa disciplina venatoria e concorrere alla formazione specifica su tale argomento che troppo spesso vede rinnovarsi gravissimi incidenti”.

FederCaccia Umbria auspica un pieno coinvolgimento di tutte le componenti portatrici di interessi oggettivi dei nostri territori sui temi predetti, rinnovando totale disponbiltà ad ogni confronto costruttivo, scevra da interessi associativi e/o settoriali.

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 novembre

Tanta Umbria, ancora poco Orvietano nell'Atlante dei Cammini d'Italia

Mostrare per esserci, il progetto di cartellonistica per rifondare sulla bellezza Salci

Chiusa la fase congressuale del Pd, Scopetti confermato segretario

Pendolari sul piede di guerra: "Il futuro dei treni a Orvieto e il silenzio degli amministratori"

Tari, tariffe corrette e conformi alla normativa. Creta: "Non ci sono stati errori"

L'Orvietana punta il Castel Del Piano per riscattarsi dalla sconfitta

A Magione si corre l'Individual Race Attack, tanti orvietani al via

La Filarmonica festeggia Santa Cecilia. Concerto al Teatro Concordia

Parlare di violenza sulle donne per cambiare prospettiva. In Biblioteca, tre appuntamenti

Visita Pastorale del vescovo Benedetto Tuzia. Il decreto di indizione

Alla Rocca dei Papi, conferenza sul genio di Michelangelo

"Orvieto in Philosophia". Per la città della sapienza, Festival di Filosofia in Dialogo e Decade Kantian

Confetti rossi per Alessandra Polleggioni, prima laureata in Informatica Umanistica dell'Orvietano

Scuole, Variati (Upi): "Del totale dei fondi generali solo il 14 per cento destinato alle Superiori"

Ladri in azione in pieno giorno. Paura sull’Alfina

L'Università dell'Arizona presenta il progetto del Museo Archeologico "Poggio Gramignano"

In tanti agli Stati generali della Scuola. Bartolini: "Temi vitali per il futuro dei nostri giovani"

Anas, investimenti per quasi 200 milioni di euro per servizi di progettazione definitiva e fattibilità tecnico-economica

Monte Peglia e Provincia Autonoma di Bolzano, esperienze a confronto per il riconoscimento Mab Unesco

"La Natività ad Orvieto". Decima edizione per il concorso dei presepi, come partecipare

Al Museo di Palazzo Davanzati a Firenze, si presenta il volume di Lucio Riccetti

Giornata di studio su gestione pazienti con Bpco, integrazione Ospedale-Territorio

Al Museo Emilio Greco si presenta il volume "Cristo e il potere. Teologia, antropologia e politica"

Liberati (M5S): "Alta velocità? Poco chiare le risorse, Umbria tagliata fuori dalle opportunità"

Sostanze tossiche, rischio sismico. Consegnata la diffida ai sindaci

"100 Mete d'Italia", riconoscimenti a Monteleone d'Orvieto e Civita di Bagnoregio

"Il Tabarro" di Puccini risuona al Museo della Navigazione nelle Acque Interne

La Quercia

"Non fate come me". A Caffeina Incontri, l'esordio letterario di Massimiliano Bruno