ambiente

Umbria, Lazio e Toscana verso il Contratto di Fiume interregionale per il Paglia

giovedì 11 gennaio 2018
Umbria, Lazio e Toscana verso il Contratto di Fiume interregionale per il Paglia

Si è svolto martedì 9 gennaio in Comune un incontro in cui è stato fatto il punto sullo stato di avanzamento del Contratto di Fiume per il Paglia, di cui è prossima la presentazione di un documento preliminare comprendente anche una serie di azioni urgenti, che riguarderanno non solo la parte Umbra del bacino del Paglia ma anche la parte Laziale e Toscana, poiché i temi delle sistemazioni idrauliche e delle manutenzioni straordinarie dei corsi d’acqua, superano i confini amministrativi.

Presenti accanto al sindaco di Orvieto Giuseppe Germani, in qualità di capofila del Contratto di Fiume per il Paglia, l'onorevole Alessandra Terrosi, il primo cittadino di Acquapendente Angelo Ghinassi, per il Consorzio per la Val di Paglia e Val di Chiana il presidente Mario Mori e il responsabile tecnico Rutilio Morandi e ancora il sindaco di Castel Viscardo Daniele Longaroni, quello di Allerona Sauro Basili, il dirigente del Settore Tecnico del Comune di Orvieto Francesco Longhi e il geologo Endro Martini, Presidente di "Alta Scuola".

Dal canto loro, i rappresentanti di Consorzio e Alta Scuola hanno auspicato la fattibilità di tali interventi urgenti in attesa delle risorse per l’attuazione degli interventi strutturali, peraltro in parte già disegnati a livello preliminare, a cui sarà affidata la mitigazione del rischio idraulico e idrogeologico non solo nella valle del Paglia ma anche nella piana del Tevere a valle della diga di Corbara fino a Roma.

Interventi improntati non solo alla difesa idraulica o geoidrologica ma anche alla qualità delle risorse idriche e valorizzazione delle aree fluviali, attraverso il coinvolgimento degli attori locali e degli imprenditori agricoli cui affidare in “adozione” alcuni tratti fluviali per interventi permanenti e continui di manutenzione e pulizia e di riuso e riutilizzo a fini di sviluppo. Il concetto della cura e manutenzione permanente del territorio, nato con l’intervento di consolidamento della Rupe di Orvieto, con l’Osservatorio e l’Alta Scuola, si espande dunque ai territori fluviali, come un modello di buone pratiche da imitare.

Al termine dell’incontro si è convenuto di sottoporre all’approvazione degli Enti Locali del territorio del Paglia, il documento preliminare che Alta Scuola sta definendo al fine di rappresentare una esigenza condivisa dai territori e di pervenire ad un “Contratto di Fiume interregionale”, come già era nello spirito del manifesto di intenti a suo tempo sottoscritto, a cui aderiranno i Comuni Laziali e Toscani e il Consorzio Umbro-Toscano. In tal modo si intende avviare un tavolo comune interregionale di copianificazione strategica e di coprogettazione a medio e lungo termine non solo per gli interventi di contrasto al dissesto idrogeologico ma anche per la tutela delle acque e la valorizzazione e sviluppo del territorio del bacino idrografico del Paglia.

"Esprimo grande soddisfazione - ha detto a margine il sindaco Giuseppe Germani - per quanto emerso in modo unanime dell’incontro e per il lavoro che sta facendo ‘Alta Scuola’ nella direzione di un ‘Contratto di Fiume Interregionale per il Paglia’, quale luogo strategico a livello locale delle decisioni da proporre e da assumere, sia per le misure strutturali che non strutturali, atte a garantire adeguati livelli di sicurezza alle popolazioni. Un obiettivo sfidante che mi prefiggo e che conto di condurre in porto come ho già fatto per la Strategia Nazionale delle Aree Interne. Porterò questo esempio di sinergia interregionale e di buone cose concrete al prossimo ‘Tavolo Nazionale dei Contratti di Fiume’ che si svolgerà a Roma a febbraio”.

"Per quanto ci riguarda - fa sapere il sindaco di Acquapendente Angelo Ghinassi - esprimiamo la nostra convinta adesione e la nostra soddisfazione per il cammino intrapreso, con l’impegno a partecipare attivamente, coinvolgendo anche la nostra comunità nell’iniziativa".

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 ottobre

Poker dell'Orvietana sul campo del Lama

Blocco Studentesco, sit-in contro "l'ostruzionismo della dirigenza al liceo Gualterio"

Unitus, via al Master "Crisis" su investigazioni e sicurezza

Gitana

Orvieto FC: vincono le ragazze del calcio a 5, sconfitta la prima squadra

Gnagnarini: "Auspico che Palazzo dei Sette torni ad ospitare i sette saggi"

Parcheggi in Piazza Duomo negati alle famiglie dei cresimandi di Fabro. Olimpieri (IeT): "Perchè?"

Un'autoambulanza per i cittadini. "La Locomotiva" chiede il supporto delle associazioni

Donato un servizio di ceramiche all'istituto alberghiero di Amatrice

"Metti via quel cellulare", a casa Cazzullo un confronto tra generazioni

Tornano "I Giorni dell'Olio Nuovo". Anteprima, "I segreti dell'ulivo. Dalla coltivazione alla raccolta"

"Rifiuti tossici, le dichiarazioni del sindaco Germani non bastano"

Vetrya Orvieto Basket di autorità sull'Atomika

Tutti in piazza a San Vito per festeggiare le cento primavere di Cesarina

Rafael Varela realizza un quadro per i trenta anni dell'Associazione "Piero Taruffi"

Interregionale Gpg di Scherma ad Ariccia. Vince Rocchigiani, terze Tognarini e Urbani

Fine settimana a tutto rugby per l'Orvietana

A Foligno i pensionati della Cisl puntano sul territorio e sulla formazione

"Chi legge naviga meglio". Anche un omaggio ad Anna Marchesini per "Libriamoci"

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 17

Premio Vetrya per la migliore tesi di laurea sulle applicazioni di intelligenza artificiale nell'industria 4.0

Confagricoltura rinnova le cariche, Giuseppe Malvetani confermato presidente

Progetto EVA+, attivo il distributore di elettricità per la ricarica veloce dei veicoli

Le akebie di Bianca

Juniores regionale di calcio a 5, reso noto il calendario

Regione Toscana e 13 Comuni firmano il protocollo d'intesa per il rilancio dell'Amiata