ambiente

Geotermia, documento della Rete Nogesi sulla zonizzazione toscana: "Tutto da rifare!"

lunedì 19 giugno 2017
Geotermia, documento della Rete Nogesi sulla zonizzazione toscana: "Tutto da rifare!"

"La Rete NoGESI contesta le “Linee guida delle ANI (Aree Non Idonee alla Geotermia)”: in ritardo e carenti, non è questa la strada per risolvere il problema.

Si può condensare il giudizio della Rete NoGESI sulle Linee guida delle ANI (Aree Non Idonee alla Geotermia), approvate con la Delibera di Giunta regionale Toscana n. 516 il 15 maggio scorso, parafrasando un "toscanaccio" come Bartali: «L'è tutto sbagliato, l'è tutto da rifare!».

Recepire le disposizioni del DM Mise del 10/9/2010 con 7 anni di ritardo, che diventano 14 se si prende a riferimento il Decreto Bersani del 2003, con una evidente forzatura a favore dei produttori di energia geotermica, già indica che la regione Toscana, sul tema, parte col piede sbagliato.

Ma per non avvalorare le accuse di NIMBY e dei SEMPRE NO che ci vengono mosse, premesso e sottolineato che oggi, in Italia, non serve altra produzione di energia, tanto più se fatta con impianti inquinanti, e foraggiata con incentivi pubblici come la geotermia, siamo disposti ad ogni confronto ed anche ad entrare nel merito della citata Delibera 516/17 e puntualizzare quelle che, secondo noi, sono le carenze, le omissioni ed i falsi ivi contenuti.

Per questo, presa carta e penna, il 14 giugno u.s. abbiamo scritto a Rossi, alla sua Giunta ed al Consiglio regionale tutto, mettendone a conoscenza tutte la amministrazioni locali, nonché le Regioni limitrofe interessate allo stesso tema della geotermia.

Abbiamo messo da parte la questione sanitaria e della mortalità in Amiata, sulla quale abbiamo prodotto documentazione e iniziative continue negli ultimi anni, ma che, nella fattispecie, trattandosi di "linee guida", riguardano le regole "future" e non già i danni passati e presenti che, ribadiamo, ci sono.

Abbiamo individuato, per meglio far intendere, 12 punti di contestazione nel merito:

1.SISMICITA' E SUBSIDENZA: è del tutto assente la definizione di criteri che tengano conto della accertata correlazione tra geotermia e sismicità;

2. ACQUA: sono assenti criteri di valutazione sulla correlazione tra attività geotermica e bacini idropotabili che pure è accertata;

3. CASE E CENTRI ABITATI: mancano criteri che prevedano la valutazione e la definizione di salvaguardie rispetto ai centri abitati come delle abitazioni;

4. CAPACITA' TECNICO/ECONOMICA: sono assenti criteri di valutazione della effettiva capacità tecnica, ma soprattutto economica di chi si propone per realizzare gli impianti;

5. DEMOCRAZIA: è escluso qualsiasi coinvolgimento, salvo la mera "informazione", della popolazione dei territori coinvolti da eventuali progetti, azzerando quindi ogni garanzia democratica di partecipazione ai processi decisionali;

6. QUESTIONE AMIATA: irrisolta la contraddizione di quanto indicato dal PAER (Piano energetico della Regione Toscana) e ribadito da tutti gli amministratori sul raggiungimento del limite di equilibrio per quanto riguarda la geotermia che doveva quindi escludere "di default" l'Amiata dalle zone geotermiche e, quindi, i comuni limitrofi;

7. MERCURIO: pure sottaciuta la grave emergenza mercurio (arrivata attraverso Paglia e Tevere a sud, e Cecina e Cornia a nord, fino al Tirreno) coinvolgendo peraltro anche Umbria e Lazio;

8. BUGIE SULLE STIME DI ENERGIA: gli stessi dati del PAER in relazione alla necessità di fonti alternative (FER) previste dal cd."burder sharing" ci dicono che al 2020 avremo addirittura superato le quote imposte, utilizzando solo gli incrementi previsti per fotovoltaico e idroelettrico!

9. FALSO STORICO E IDEOLOGICO: si continua a ripetere il mantra che esisterebbero ben 17 comuni " vocati storicamente alla geotermia", ma se questo può essere parzialmente riscontrato nell'area nord, e comunque con notevoli eccezioni ambientali, è un vero e proprio falso storico per l'Amiata, dove, a parte le vecchie e dismesse centrali di Piancastagnaio, tutti gli altri comuni non hanno mai avuto l'"onore" di ospitare centrali negli ultimi anni ed oggi l'unico altro comune sede di impianti è Santa Fiora. Peggio ancora è il "falso ideologico" del cd. “Distretto Geotermico”, una zona industriale tutta dedita alla geotermia ed ai suoi mirabolanti effetti economici: l'unica area assimilabile a tale fantasiosa idea è l'area nord, ormai tra le aree più povere della Toscana per la quale recentemente si è deliberata 'l'area di crisi", che la dice lunga sul decantato sviluppo...

10. TECNOLOGIE GEOTERMICHE: fermo restando quanto ribadito in premessa ed anche al punto 8, non si trovano, nelle linee guida, criteri che obblighino l'utilizzo e la ricerca di tecnologie di nuova generazione (BHE) che pure sono in studio ...all'estero;

11. SINDACI: la Regione certamente ha sempre sottovalutato l'importanza dei comitati che, spontaneamente, sorgono in ogni luogo ove si prospetti una nuova centrale, ma -secondo noi- oggi stanno anche sottovalutando il cambio di posizione e/o il sorgere di perplessità da parte dei Sindaci che sono quelli che hanno il polso della situazione nei territori e che, pur appartenendo alla stessa area politica della giunta, non nascondono la loro contrarietà a modalità di imposizioni dall'alto;

12. UNA LEGGE ORGANICA SULLA GEOTERMIA: che tenga conto della non effettiva necessità di ulteriore produzione elettrica da fonti geotermiche, delle caratteristiche turistiche e delle produzioni di qualità del territorio toscano, che apra un necessario dibattito in Consiglio regionale circa la non maturità delle attuali tecnologie geotermiche, ricordando che le competenze in materia risiedono ancora totalmente nelle Regioni sia per gli “impianti regionali” sia per quelli “pilota”, dopo il fallimento del governo Renzi sulla riforma costituzionale del 4 dicembre 2016, sonoramente bocciata dagli italiani.

Crediamo che ce ne sia abbastanza affinché la Regione scelga di "rivedere" la politica energetica e il rapporto con i suoi territori, evitando laceranti contrapposizioni con le popolazioni, ma anche con i suoi stessi amministratori. La Rete NoGESI si rende disponibile, come sempre, al confronto ed auspica che la Regione voglia cogliere l'occasione per riaprire un dialogo costruttivo coinvolgendo TUTTI gli attori, a cominciare dai cittadini, dai comitati e dai sindaci".

Fonte: Rete Nazionale NOGESI (NO Geotermia Elettrica Speculativa e Inquinante)

Commenta su Facebook

Accadeva il 14 novembre

"Speciale Marchesini" su Raitre a cura di Pino Strabioli. Al Mancinelli, "Orvieto per Anna"

"Salci nel ricordo dei suoi abitanti". Il borgo fantasma rivive in un libro

Scherma, Lorenzo Rocchigiani quinto alla prima Prova nazionale Gpg di Ravenna

Premio "Vanghetto d'Oro 2017" a Roberta Morise. In archivio, la 30esima Mostra del Tartufo

Musei di Maremma a portata di click con la nuova App per smartphone e tablet

La Maestà, un Santuario nel cuore dei ficullesi

I classici di Luigi Capuana e Jack London protagonisti da CicloStile

Orvieto Città del Corpus Domini plaude e auspica l'impegno del Comune

Orvieto ricorda l'architetto Torquato Terracina

Maratona dell'Olio, presentata l'ottava edizione. Le aziende dell'Orvietano coinvolte

"Per un pugno di stelle". Occhi sulla Via Lattea all'Osservatorio Astronomico Monte Rufeno

"Ricostruire dopo il sisma". Iniziativa congiunta di Cgil, Cisl e Uil

Via Alberici chiusa al transito delle auto, ma solo per tre ore

Solennità della dedicazione della Cattedrale. Gli appuntamenti

Energia elettrica interrotta per lavori nel centro storico, ecco dove

A1, chiusura notturna all'uscita di Fabro per lavori di pavimentazione

Dedicato a Jan Macko il "Piccolo Concerto di Santa Cecilia 2017"

Il rettore dell'Unitus eletto presidente del Comitato regionale universitario del Lazio

La Farmacia Comunale aderisce: "La prevenzione è un'opportunità"

"DiaDay" per la prevenzione del diabete. Screening gratuito in farmacia

"L'Umbria a New York è stata una straordinaria occasione di promozione"

Tari, il sindaco Caci: "Nel nostro Comune non ci sono errori nel calcolo della tariffa"

Teatro "Lea Padovani", crescono gli abbonati. In arrivo Nicola Piovani

All'Auditorium Taborra rivivono "Gli anni '70: luci e ombre"

Anteprima per "Il mio festival" dedicato alla letteratura per ragazzi

Settimana Unesco alla scoperta delle meraviglie dell'Alfina

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 20

Orvieto tra le "Meraviglie Sotterranee" segnalate dal Touring Club Italiano

"Tutte le ragioni per votare Sì". Incontro con Maurizio Oliviero

Delegazione ad Amatrice per consegnare un bonifico di 10 mila euro

"Gratuita e a caro prezzo: la violenza". Al Moody, lo spettacolo multimediale dei Lettori Portatili

Una Vetrya Orvieto Basket nervosa cede il passo al Bastia

Social Fab Lab organizza anche quest'anno "EreticoFuturo"

"1617-2017 Ippolito Scalza. Verso il Centenario". Conferenza al Museo Emilio Greco

Sisma, riaperte le scuole a Norcia. "Segno di speranza per la città e la Valnerina"

All'Unitus, via agli incontri su sostenibilità e business digitale

Elenco regionale delle buone pratiche in ambito culturale, Tuscia presente con 14 realtà

Piano regionale vaccinazioni, prevenzione e responsabilità verso la comunità

Sisma, runione con Anas su situazione viabilità. Entro pochi giorni riapre la Tre Valli

Campagna di promozione dell'affido familiare. Incontro pubblico in biblioteca

Parco Urbano del Paglia, chiude il sottopasso per ultimare i lavori di difesa idraulica

Azzurra Ceprini Orvieto doma Castelnuovo Scrivia

Mancinelli gremito per Forcellino. TeMa soddisfatta: "Un successo le Lezioni di Storia Speciale"

La 41esima "Fiera dell'Olio Extra-Vergine d'Oliva" trasforma Montecchio in villaggio medievale

"Natività Contemporanee" all'Antiquarium di Tenaglie. Ecco come partecipare

"Orvieto Città Aperta (14 giugno 1944. Un giorno da ricordare)"

L'assessore regionale Bartolini al focus sul referendum promosso dal Circolo Pd

Carlo Fidani: "Racconto un angolo nel quale l'umanità si è piacevolmente chiusa"

"Dopo la sentenza della Corte dei Conti, si apra la fase degli investimenti"

E45-E55 Orte-Mestre diventerà una "smart road", Anas investe 30 milioni di euro

"Bullismo, disagio adolescenziale". Convegno al Palazzo del Popolo con Lions e IIsacp

Guido Barlozzetti fa da testimonial all'orto medievale

Scatta l’indagine per fare chiarezza sull’apertura lampo della ex Coop

Minoranza all'attacco: "Un atto di una gravità assoluta"

Dopo l'alluvione: "Fiumi di parole e pochissimi fatti"

Orvieto Basket under 19 vittoriosa a Spoleto

Orvieto Basket under 15 nulla può contro Perugia

Un po' di Azzurra all'incontro organizzato dal Panathlon Club di Orvieto

"Aceto balsamico e dintorni" al Museo del vino e delle scienze agroalimentari

La Zambelli Orvieto è pronta a rialzare la testa a Rieti

Alviano, Provincia ripristina argine Oasi naturalistica dopo danni alluvione: garantite sicurezza e visite turisti

Progetto "Ambasciatore della Tuscia" al via il workshop con i partner di Berlino

Associazioni sportive e Comune al lavoro per il primo premio Fair Play Città di Orvieto

In archivio l'edizione orvietana di NozzeNews. Organizzatori soddisfatti, appuntamento a Viterbo

Galanello (Pd): "Si blocchi definitivamente il progetto delle pale eoliche"

I sindaci di San Venanzo e Parrano: "Occorre vigilare su questa vicenda"

In arrivo "Phoenix", la rinascita in musica dei "Cherries on a swing set"

I pendolari incontrano la Regione Lazio. Ripristinata la fermata straordinaria a Orte

Appaltati lavori post-alluvione per 735 mila euro

Susanna Tamaro firma a favore dell'Altopiano dell'Alfina

Poesia di Natale 2014

Cerimonia di chiusura per il Giubileo. Il vescovo Tuzia: "Orvieto, custode del Mistero"

Trentini (Cisl): "In assenza di risposte pronti ad occupare la sala consiliare"

VIDEO ORVIETOTV - Don Danilo Innocenzi illustra cerimoniale e significato

Alluvione giorno due. Occhi tristi e volti battaglieri, ma ce la faremo. Come sempre

Risultati summit dell'Unità di Crisi di martedì 13 novembre

Massimo Bruzzi: "per provare a continuare a vivere abbiamo bisogno solo di Voi: i nostri clienti"

Frana il versante Sud di Parrano. Preoccupazione del sindaco Tarparelli

Via Monte Cimino

L'alluvione penalizza gli Orvietani due volte: anche Marina di Montalto in ginocchio

L'Orvieto migliore. Gli "angeli del fango", oggi niente scuola stivaloni di gomma e giù di pala e scopa

Ci ha lasciato Giancarlo Giacomini, un grande uomo del basket orvietano

Confartigianato sull'alluvione nell'Orvietano: "Auspichiamo azioni tempestive e un segnale concreto da parte delle Istituzioni"

Un ricordo di Carla. Un bell'esempio di coraggio e positività.

Dopo l'alluvione, via alla verifica dei danni. La presidente Marini a Orvieto per un quadro delle criticità

I consiglieri provinciali Santelli, Longaroni e Garillo chiedono lo stato di calamità per l'Orvietano

Il dopo alluvione. Far ripartire le imprese, l'Amministrazione comunale incontra imprenditori, artigiani, agricoltori

A Porano il meeting annuale dei centri di aggregazione giovanile dei Comuni della zona sociale n.12 dell'Orvietano

L'alluvione guasta la festa alla 25° Mostra del Tartufo di Fabro

Il dopo alluvione. Italia Nostra lancia un forum di discussione su nuove regole per la gestione del territorio affinché tutto questo non si ripeta

Fabrizio Cortoni: "Ed ecco che succede l'incredibile: tutti a darti una mano, senza che tu debba chiamare"

Il dopo alluvione. La Cna al fianco degli imprenditori: "ripristinare prima possibile le attività produttive orvietane"