ambiente

Escursioni in Umbria, sì al disciplinare tecnico per l'allestimento della Rete dei Sentieri

lunedì 2 gennaio 2017
Escursioni in Umbria, sì al disciplinare tecnico per l'allestimento della Rete dei Sentieri

In cammino sui percorsi della rete sentieristica dell’Umbria, resi il più possibile fruibili da tutti, guidati da una segnaletica chiara e omogenea su tutto il territorio regionale. Segna un importante passo in avanti l’attività di riordino della rete escursionistica portata avanti dalla Regione: su proposta dell’assessore alle Infrastrutture Giuseppe Chianella, la Giunta regionale ha adottato il “disciplinare tecnico per l’allestimento della rete dei sentieri della regione Umbria” che affronta “le tematiche legate alla omogeneizzazione delle loro caratteristiche – spiega l’assessore – stabilendo sia la tipologia dei segnali e i criteri di numerazione dei percorsi, sia i criteri da rispettare nei progetti di allestimento o di manutenzione straordinaria dei sentieri, anche in vista del miglioramento dell’accessibilità a tutte le categorie di fruitori”.

L’obiettivo è quello di “mettere a disposizione infrastrutture efficienti e organizzate anche ai fini escursionistici e turistico-ricreativi, facilitandone la percorribilità e favorendo l’attrattività dei luoghi”. Della rete degli itinerari pedonali fanno parte “i sentieri di interesse nazionale o interregionale, come il Sentiero Italia, il Sentiero Europa 1, La via di Francesco, che costituiscono la struttura portante a cui si lega una rete locale che consente di esplorare il territorio alla ricerca delle particolarità ambientali, naturalistiche, paesaggistiche e culturali, delle produzioni tipiche agroalimentari o artigianali. Una rete ben organizzata di itinerari segnalati per la fruizione escursionistica e turistica e che si possono percorrere agevolmente – sottolinea – offre un’occasione privilegiata e di conoscere il territorio. Una grande opportunità per lo sviluppo economico locale, in particolare nelle aree cosiddette marginali”.

“Fondamentale – rileva l’assessore - in questa attività di riorganizzazione e di valorizzazione della rete dei sentieri e più in generale dell’intera rete escursionistica umbra, che comprende gli itinerari ciclabili e le ippovie, è il contributo del Cai, il Club Alpino Italiano, dell’Umbria con cui la Regione ha stretto da anni un rapporto di collaborazione e che vanta una esperienza ultradecennale specifica e collaudata in materia, oltre ad essere impegnata insieme alla Regione per la migliore gestione e promozione della rete dei sentieri. Con il Cai Umbria – aggiunge – abbiamo affrontato il tema della numerazione dei sentieri, giungendo a una zonizzazione accorpata per nove ambiti geografici, raggruppati in cinque aree. Siamo inoltre impegnati per la realizzazione di un catasto regionale della rete sentieristica”.

Nel disciplinare, per quanto riguarda sia la segnaletica sia i criteri di numerazione sono state prese in considerazione le tipologie già utilizzate dal Cai “che costituiscono ormai uno standard a livello nazionale”. La segnaletica per l’identificazione dei sentieri, articolata in verticale e orizzontale, univoca quanto a forma, colori e dimensioni, riporterà informazioni sulla fruibilità del tratto, sul grado di difficoltà e sugli aspetti del contesto territoriale attraversato dal sentiero. La numerazione, rilasciata dalla Regione e basata su aree omogenee, identificherà univocamente i sentieri sull’intero territorio regionale: si eviteranno così omonimie e conflitti di identificazione, anche in previsione della futura realizzazione del catasto regionale della rete escursionistica.

Prioritaria l’accessibilità: nel disciplinare tecnico adottato dalla Giunta regionale si rimarca che “deve essere garantita l’accessibilità alle diverse disabilità delle persone con opportuni accorgimenti atti a rendere fruibili in tutto o in parte i sentieri”.  Vengono definiti i criteri di redazione dei progetti di allestimento dei sentieri e dei lavori di manutenzione straordinaria dei tratti della rete al fine del raggiungimento “di omogenei standard di qualità sia riguardo la sicurezza che la comodità di fruizione”. Devono essere analizzati “tutti gli elementi utili alla definizione del contesto naturale e antropico in cui si sviluppa il sentiero, così da poter mettere a punto interventi coerenti ed efficaci ai fini della fruizione”. Nel quadro conoscitivo vanno presi in considerazione il sistema dell’accessibilità (parcheggi di scambio, servizio di trasporto pubblico locale, barriere architettoniche) e quello dei servizi di supporto, quali quelli commerciali e sanitari.

Fonte: Regione dell'Umbria

 

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 maggio

L'Alta Tuscia riscopre i gioielli. Invito a Civita, Palazzo Monaldeschi e la Serpara

Due ori e tre bronzi per la Scuola Keikenkai al 2° Campionato Europeo di Karate Iku

Staffetta dei Quartieri. All'ombra del Duomo si corre la 51esima edizione

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello col Casal De' Pazzi

"Focus on pain" a Palazzo Alemanni. Seconda edizione per il congresso medico

Piazza del Popolo, parcheggi a disco orario non più a pagamento

"L'Eucarestia nell'arte cristiana". Conferenza Rotary in Duomo

Corso da tecnico audio e corso di informatica musicale al "Tuscia in Jazz 2016"

Alla Galleria Falzacappa Benci di passaggio i pellegrini di Giorgio Pulselli

A Guardea ed Alviano le musiche di Piovani e Morricone per il Concerto di Primavera

"Basta un Sì per cambiare l'Italia". Incontro a Sferracavallo con Luca Castelli

La Kansas State University sempre più presente sul territorio orvietano

Legambiente denuncia gravi profili di illegittimità del calendario venatorio

Il Coro degli Alpini dei Monti Lessini in concerto

Filippo Orsini relaziona su "Bartolomeo d'Alviano, Todi e l'Umbria tra XV e XVI secolo"

"Una buona stagione per l'Italia. Idee e proposte per la ricostruzione del Paese e dell'Europa"

Alla scuola Frezzolini di Sferracavallo s'inaugura la biblioteca "Sheradzade"

Nasce l'Albo sostenitori "Orvieto Cittaslow". Ecco da chi è composta la commissione

Divieto di pesca per consumo alimentare sul Paglia, scatta l'ordinanza del sindaco

"Etruschi 3D". Presentata la mostra multimediale curata dall'Associazione Historia

Che cos'è "Etruschi 3D"

Meteo

venerdì 26 maggio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

15:00 23.5ºC 31% buona direzione vento
21:00 14.7ºC 53% buona direzione vento
sabato 27 maggio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 22.8ºC 34% buona direzione vento
15:00 25.2ºC 30% buona direzione vento
21:00 16.3ºC 53% buona direzione vento
domenica 28 maggio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 24.0ºC 35% buona direzione vento
15:00 26.9ºC 29% buona direzione vento
21:00 16.6ºC 55% buona direzione vento
lunedì 29 maggio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 24.7ºC 37% buona direzione vento
15:00 27.9ºC 31% buona direzione vento
21:00 17.2ºC 60% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni