ambiente

Illegittimo il vincolo culturale sul terzo calanco. Il Ministero annulla il provvedimento: più opportuno un vincolo paesaggistico

venerdì 13 gennaio 2012

Il vincolo culturale sull'area Le Crete in località Pian del Vantaggio, dove da tempo Sao-Acea esercita la sua attività industriale relativa allo smaltimento e al trattamento dei rifiuti, non è idoneo al luogo e al caso. Lo ha stabilito il Ministero per i Beni e le Attività culturali, accogliendo il ricorso presentato a suo tempo da Sao-Acea con un provvedimento trasmesso agli interessati a fine dicembre. Secondo il Ministero meglio sarebbe procedere, sul luogo, con un provvedimento di tutela del paesaggio.

Era stata la direzione regionale per i Beni culturali e paesaggistici dell'Umbria, dopo ripetute segnalazioni e azioni delle associazioni ambientaliste riunitesi nel Comitato "Rifiuti Zero", a dichiarare, lo scorso luglio, di "interesse storico monumentale e etno-antropologico" l'area su cui Sao-Acea aveva presentato un progetto di revamping e di ampliamento dell'impianto di trattamento dei rifiuti. La società aveva inoltrato subito ricorso contro il provvedimento, chiedendone l'annullamento, tramite i propri legali, sotto il profilo di legittimità. Ed in effetti è quello che il Comitato del Ministero ha riscontrato. Pur sottolineando, infatti, di condividere i motivi che hanno indotto il Direttore Generale ad emettere il provvedimento di tutela relativamente al terzo calanco in località Le Crete, il Comitato ministeriale giudica più appropriato che si applichi un provvedimento di tutela del paesaggio, da attuarsi "con l'urgenza che la questione richiede".

Intanto, mentre su questo versante l'iter è semmai da ricominciare, Sao-Acea sta procedendo, secondo quanto stabilito dal procedimento di VIA (Valutazione Impatto Ambientale) della Regione Umbria sul sito Le Crete, alla sopraelevazione dell'impianto in esercizio nel secondo calanco, "nel rispetto - stabilisce la VIA - di una serie di prescrizioni relative a: ambiente idrico, paesaggio, vegetazione, fauna ed ecosistemi, suolo, sottosuolo, atmosfera, aspetti archeologici, monitoraggio, compensazione ambientale".

Commenta su Facebook