ambiente

Fotovoltaico selvaggio. Le associazioni ambientaliste chiedono alla Regione di mantenere gli impegni presi sull'Alfina

martedì 12 luglio 2011
Fotovoltaico selvaggio. Le associazioni ambientaliste chiedono alla Regione di mantenere gli impegni presi sull'Alfina

"Dopo ormai cinque mesi di attesa non è ancora "nato" il regolamento che dovrebbe scongiurare la distruzione dell'Alfina ad opera della speculazione del fotovoltaico industriale. Hanno superato i 150 ettari le richieste presso il comune di Castel Giorgio. Mentre dobbiamo stigmatizzare l'inerzia della Regione Umbria di fronte ad un problema di portata tale da stravolgere l'economia, la cultura ed lo splendido paesaggio di un intero comprensorio."

A fare un punto della situazione della vicenda fotovoltaico sono le associazione ambientaliste del comprensorio, che in un comunicato stampa così continuano:

"Vogliamo ricordare all'Assessore all'Ambiente della Regione Rometti gli impegni presi nei confronti della popolazione locale per salvare il comprensorio da una iniziativa che nulla porta e tutto toglie al territorio. Ricordiamo inoltre che non è temporeggiando che si risolvono i problemi anzi nel frattempo "maturano" altre richieste di fotovoltaico speculativo. Non vogliamo pensare che sia questa la strategia della Regione Umbria, anzi vogliamo ribadire la ferma volontà di tutti i cittadini che ci seguono per impedire questo scempio del territorio e non consentire che né per "dimenticanza" né per "atti dovuti" si dia seguito allo scellerato scempio di uno dei comprensori fra i più apprezzabili di tutta l'Umbria.

Pretendiamo che la richiesta di salvaguardia dell'Alfina, espressamente manifestata dai sindaci di Orvieto, Castelviscardo e Castel Giorgio, non si trasformi in una semplice affermazione di facciata, ma che diventi la base concreta per trasformare il comprensorio in un'area tutelata da tutti i tipi di intervento che comportino il suo degrado. Vogliamo ricordare a questo proposito che recentemente è stato emesso da parte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali un preciso vincolo di tutela per la parte laziale dell'Altopiano dell'Alfina, proprio riconoscendone l'elevato valore storico e paesaggistico (Decreto di notevole interesse pubblico dell'area sita in comune di Acquapendente denominata "Altopiano dell'Alfina, ampliamento del vincolo Monte Rufeno e Valle del Paglia-D.M. 22.05.1985" emanato dalla Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici del Lazio in data 12.05 2011 e pubblicato in data 16.05.2011 sulla Gazzetta Ufficiale, Serie generale -parte prima, n. 112). Decreto che ha permesso di bloccare l'ampliamento della cava di basalto de Le Greppe di Acquapendente e il conseguente termine dell'attività estrattiva in quell'area, come del resto la Dichiarazione di interesse culturale ex D .Lgs 42/29004 art. 13 e 14 emessa in data 11.07.2011 sulle formazioni calanchifere in Loc. Le Crete di Orvieto ha contribuito senza dubbio all'avvio della politica dei rifiuti zero, sollecitata da tempo dalle associazioni ambientaliste e dai cittadini di Orvieto.

Chiediamo pertanto alla Regione di sciogliere gli indugi e di attivarsi nella direzione delle richieste di una cittadinanza che ha ben chiaro il modello di sviluppo idoneo al proprio comprensorio, un modello che vorremmo non estemporaneamente esposto alle richieste di una certa cultura imprenditoriale che sa solo prendere senza lasciare nulla sul territorio, né come occupazione, né come canoni di usufrutto, né come congruo risarcimento per i danni procurati. Ci auguriamo pertanto che la politica si attivi e faccia quel salto di livello che il nostro Comprensorio, la nostra Regione Umbria, il nostro Paese si aspettano da troppo tempo".

L'appello è sottoscritto da:

Comitato Per la Difesa di Castel Giorgio dalla Speculazione del Fotovoltaico Selvaggio
(presidente Fausto Carotenuto)

Associazione Amici della Terra- Orvieto
(presidente Monica Tommasi)

Associazione Italia Nostra -Orvieto
(presidente Lucio Riccetti)

Associazione Accademia Kronos -Umbria
(presidente Roberto Minervini)

Associazione Altra Città -Orvieto
(presidente Mauro Corba)

Associazione La Renara per l'ecosviluppo del territorio
(presidente (Anna Puglisi)

Associazione per lo sviluppo sostenibile e la salvaguardia dell'altopiano dell'Alfina
(presidente Marco Carbonara)

Associazione "Altopiano"
(presidente Alessandro Curti)

Comitato per la tutela e lo sviluppo compatibile del territorio Alta Tuscia
(presidente Giovanni Bisoni)

Comitato per la tutela e valorizzazione delle valli del Chiani e Migliari
(presidente Stefano Ronci)

Comitato Interregionale salvaguardia e valorizzazione dell'Alfina
(presidente Vittorio Fagioli)

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità