ambiente

Preoccupazione per lo spettro dei rifiuti provenienti dalla Campania. I primi no per l'eventuale conferimento in Umbria e alle Crete

giovedì 25 novembre 2010
di laura

Desta allarme in Umbria, e a Orvieto in particolare per la presenza della discarica "Le Crete", la notizia che Governo e Regioni potrebbero trovare un accordo per accogliere i rifiuti provenienti dall'esplosiva situazione campana. Se ne è parlato nel vertice convocato ieri d'urgenza dal ministro Raffaele Fitto, a cui hanno partecipato, per l'Umbria, la governatrice Catiuscia Marini e l'assessore regionale all'Ambiente Silvano Rometti. La Marini ha affermato che l'Umbria non potrà non essere solidale se tutti saranno solidali, ma che in ogni caso è pronta a ricevere solo un modesto quantitativo di rifiuti, e che ciò avverrà solo se il Governo proclamerà lo stato di emergenza nazionale. Ma le discariche del territorio regionale, come è noto, sono colme - Orvieto in primis, dove si dibatte da tempo contro l'apertura del terzo calanco - e non sono tardate ad arrivare le prime prese di posizione in Consiglio Regionale.

Deciso no all'ipotesi da parte del consigliere regionale del PdL Alfredo De Sio: "Non può esserci nessuna disponibilità ad accogliere parte dei rifiuti per l'emergenza Campania - afferma - sia per problemi legati al progressivo esaurimento del sistema delle discariche umbre sia per la pessima gestione relativa  all'analoga vicenda negli anni precedenti. Il ricordo di come fu gestita la fase del conferimento dei rifiuti ad Orvieto e le responsabilità politiche gravissime del  centrosinistra in quella fase - continua - sono ancora nella mente di tutti i cittadini e tutte da chiarire, ecco perché  chiedere nuovamente  di farsi carico di tutto ciò mi sembra assolutamente fuori luogo. La presidente Marini - aggiunge - deve esplicitare ufficialmente, magari forte di un voto del Consiglio regionale, l'assoluta indisponibilità a sostenere questa nuova emergenza. Del resto - prosegue - come da più parti ricordato, oggi l'Umbria è alle prese con decisioni strategiche rispetto ad eventuali ampliamenti delle discariche esistenti, anche a causa di un piano regionale rifiuti mai applicato e con una raccolta differenziata assolutamente inadeguata. Tutto ciò - conclude De Sio - con le perplessità avanzate da vari Comuni rispetto a nuovi ampliamenti, mi sembra un problema non secondario da affrontare e che va risolto al più presto anche attraverso una rapida valutazione dei diversi piani d'ambito elaborati".

Per Sandra Monacelli dell'Udc, "La drammatica situazione dei rifiuti, che da 16 anni dura in Campania, rappresenta il fallimento di tutti quei poteri che dovevano decidere come amministrarne la gestione e che si sono invece rivelati incapaci di risolvere il problema, diventato altresì il pretesto per un enorme e sistematico saccheggio di risorse pubbliche. La richiesta fatta dal ministro Fitto alle regioni italiane di farsi carico, per il principio di solidarietà nazionale, dell'immondizia campana, al di là delle istintive risposte fatte di sì o di no, deve far riflettere non solo sulle reali possibilità della nostra regione di fare la propria parte, ma anche sullo stato di attuazione del piano regionale dei rifiuti dell'Umbria che si sta rivelando del tutto inadeguato, soprattutto nei tempi, rispetto agli obiettivi prefissati. Il progressivo esaurimento delle potenzialità delle discariche - continua - e i dati non positivi della raccolta differenziata che viene effettuata in Umbria, si sommano ai ritardi con i quali da parte degli Ati si sta procedendo alla decisione relativa all'ubicazione della termovalorizzazione. Urge pertanto - conclude - il superamento degli equilibrismi politici che, sull'altare di manieristiche posizioni verdi-ecologiste, hanno immolato quelle scelte necessarie per evitare in Umbria una riedizione del disastro Campania".

Secondo Cirignoni, capogruppo regionale della Lega Nord, quanto sta accadendo in Campania non si configura come "emergenza" in quanto, spiega "non è dovuta a fattori imprevedibili, ma ad una situazione di ‘emergenza permanente' prodotta dall'incapacità dell'Amministrazione di quella regione di attuare un corretto piano dei rifiuti, e all'intervento della camorra nella creazione di questa crisi cronica". Secondo il capogruppo della Lega Nord, l'unica soluzione possibile è quella di "dichiarare lo stato di emergenza in Campania per motivi di tutela della salute pubblica e dell'ordine pubblico, inviando poi l'esercito a gestire lo smaltimento in loco dei rifiuti. Solo in tal caso - spiega Cirignoni - la Regione Umbria potrà essere solidale con la Campania, inviando uomini e mezzi per risolvere la situazione. E al fine di far esprimere al Consiglio regionale una posizione che impegni la Giunta in tal senso - conclude - abbiamo provveduto a presentare una mozione".

Più settata sui problemi specifici di Orvieto la posizione del capogruppo del Pdl in Consiglio regionale, Raffaele Nevi, che ricorda che la città di Orvieto aspetta ancora di vedersi pagati i rifiuti che vennero buttati in discarica qualche anno fa (nel 2006) e non può divenire il luogo in cui finiscono tutti i problemi dell'Umbria. "E' sacrosanto - afferma Nevi - che il governo Berlusconi cerchi di trovare una soluzione al problema dei rifiuti di Napoli, per evitare al nostro Paese l'ennesima figuraccia a livello internazionale, attraverso una richiesta di solidarietà a tutte le regioni italiane, ma per l'Umbria - continua - il discorso è molto complicato. Tutti sanno - aggiunge - che il nostro sistema, a causa delle non scelte del centro sinistra negli ultimi dieci anni, sta arrivando a saturazione perché le discariche sono piene e non c'è traccia della minima concretezza per ciò che attiene alla realizzazione di un sistema di smaltimento completo, che punti all'incremento della differenziata e alla chiusura del ciclo. Stante questa situazione, se non vogliamo finire anche noi come la Campania, non possiamo ospitare i loro rifiuti. È evidente poi - conclude - che non si può chiedere l'ennesimo sacrificio alla città di Orvieto, che sarebbe ancora una volta il luogo in cui finiscono tutti i problemi dell'Umbria, mentre la città aspetta di vedersi pagati i rifiuti che vennero buttati in discarica qualche anno fa e mentre la Regione non assicura a quella città ciò che chiede in termini di infrastrutture, turismo, commercio, agricoltura e servizi in genere".

Non ci sono ancora posizioni ufficiali da parte dell'amministrazione comunale di Orvieto, ma Pier Giorgio Pizzo, Udc, consigliere delegato al bilancio, in una dichiarzione ufficiosa afferma che, prima di ogni solidarietà, vengono i circa due milioni di euro che, dai tempi dell'emergenza del 2006, Orvieto non ha ancora potuto immettere nelle più che carenti casse comunali. Anche il sindaco Concina ne ha fatto cenno nell'ultimo Consiglio comunale, affermando che forse si è vicini al saldo del debito; ma nei tempi prossimi nessuno più ci crede, giacchè è un "forse" in cui si spera, senza risultati, da vari anni. La preoccupazione più forte resta tuttavia quella ambientale: nella città con il tasso di differenziata più basso dell'Umbria, che subisce costituzionalmente il danno di una produzione altissima di indifferenziato e che ultimamente ha colmato a ritmo esponenziale i suoi calanchi per il blocco dell'inceneritore di Maratta e il conseguente conferimento dei rifiuti ternani, riaprire le braccia a Napoli rappresenterebbe un ultimo tragico collasso.

Pubblicato da Massimo Gnagnarini il 25 novembre 2010 alle ore 23:26
Caro Pizzo prima della "solidariet" a Napoli, ma anche molto prima dell'incasso di quei soldi maledetti a cui ti riferisci, peraltro scaturiti da una vicenda che ancora tutta da chiarire, viene il bene della citt.
In questo senso, mi aspetto che tu ti batta per impedire in ogni modo che questa Amministrazione comunale consenta l'apertura di altre discariche sul nostro territorio, cos come UDC e tu in prima persona ti sei impegnato nel corso della tua campagna elettorale e successivamente nella nostra conferenza stampa dello scorso mese di gennaio. So che lo farai.
Massimo Gnagnarini - Direzione provinciale di Terni UDC.
Pubblicato da savoiardello il 26 novembre 2010 alle ore 13:35
Preoccupa l'assordante silenzio del consigliere regionale Galanello sulla vicenda rifiuti. E' curiosa anche la latitanza di tutti gli indomiti commentatori del web che pontificano su tutto e tutti, salvo che sulle cose essenziali. Ci dicano, i soloni del rinnovamento, i Tiberi, i Borrello, gli Zambelli e tutti i loro attenti scudieri, cosa pensano della disponibilt dell'Umbria ad accogliere parte dei rifiuti campani.
Pubblicato da Fausto Galanello il 26 novembre 2010 alle ore 20:45
(Acs) Perugia, 26 novembre 2010 La discarica Le Crete di Orvieto non
nelle condizioni di accogliere nuovi rifiuti provenienti dalla Campania. Si
tratterebbe di un gesto di solidariet certamente apprezzabile ma che si
scontra con una situazione di oggettivo impedimento. A questo si aggiunge un
elemento non trascurabile: Orvieto ha gi fatto la sua parte qualche anno
fa, senza peraltro alcun riconoscimento tangibile. Lo afferma il
consigliere regionale del Partito democratico Fausto Galanello.

Galanello esprime un no secco allipotesi, trapelata nelle ultime ore
sotto forma di indiscrezioni, del possibile utilizzo degli impianti di
raccolta di Orvieto per far fronte allemergenza rifiuti in cui
sprofondata la Campania. Unipotesi che il consigliere regionale
definisce irricevibile per un limite oggettivo nelle possibilit di
utilizzo del sito. Per lesponente del Pd non ci sono solamente i
problemi ancora aperti rispetto allingente conferimento di rifiuti campani
che limpianto Le Crete si sobbarcato in passato, ma il fatto,
evidente a tutti, che si tratta di un sito ormai prossimo allesaurimento.
C un dibattito in corso sul futuro ruolo della discarica. E certo
per che Orvieto non potr n ora n in futuro essere considerato luogo
disponibile a prescindere per le emergenze nazionali o umbre.

Per Galanello qualsiasi decisione sar assunta sul destino de Le Crete
non potr che avvenire nella chiarezza e concretezza di investimenti ed
obiettivi, a partire da un serio progetto dambito per spingere con decisione
sulla raccolta differenziata. Ad Orvieto specifica Galanello va
mantenuto linvestimento per il trattamento anaerobico della frazione umida
e si devono mettere in cantiere soluzioni per i rifiuti differenziati
provenienti dallAmbito, attivando la filiera del riciclo. Una partita
complessa che deve essere portata avanti con il sostegno della Regione
Umbria. Questi passaggi conclude sono una base di partenza
imprescindibile per avviare una valutazione del progetto di ampliamento della
discarica proposto da Sao-Acea. Tenendo presente che uneventuale
sopraelevazione del secondo calanco, o lautorizzazione allutilizzo del
terzo, potranno vedere la luce per quanto necessario ad accompagnare i
progetti e gli obiettivi suddetti oltre a rispondere alle strette necessit
dellambito provinciale di riferimento. RED/mp

Pubblicato da LO PUNGERONE il 28 novembre 2010 alle ore 15:22
Non ci avevo fatto caso ma ad una seconda lettura mi venuto spontaneo domandarmi come mai un commento inviato da Galanello Fausto parli di se stesso in terza persona. E' solo sciatteria nella forma o l'impulso irrefrenabile di qualche "rottamatore" che lo appogia, a prescindere, nelle lotte intestine ad Orvieto, dopo che un commento lo ha chiamato in causa? La riflessione non peregrina se si considera che lo stesso giorno, sullo stesso giornale uscito un editoriale che, a parte qualche "ritocco", riporta esattamente quello che si dice nel commento. Mi sta venendo il dubbio che forse ho fatto male a votare ed invitare a votare per lui.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio

Meteo

mercoledì 13 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
21:00 3.7ºC 91% buona direzione vento
giovedì 14 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 95% foschia direzione vento
15:00 10.9ºC 92% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 98% buona direzione vento
venerdì 15 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.0ºC 95% scarsa direzione vento
15:00 10.4ºC 98% foschia direzione vento
21:00 7.0ºC 98% discreta direzione vento
sabato 16 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 6.1ºC 97% scarsa direzione vento
15:00 6.6ºC 87% buona direzione vento
21:00 3.2ºC 94% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni