ambiente

Emergenza rifiuti, l'Ue vuole vederci chiaro

giovedì 25 novembre 2010
di Cecilia Anesi e Giulio Rubino da www.wasteemergency. com

da www.wasteemergency.com

Napoli, 24 novembre 2010

Terminata la missione Ue per capire a che punto sia l'emergenza rifiuti, che strategia abbia il governo e decidere se sbloccare o no i fondi comunitari

Si è conclusa ieri sera la missione in Campania della delegazione della Commissione Europea, composta da Pia Bucella (Direttrice della Protezione Civile in Europa), Julio Garcia Burgues (capo unità DGENV), Manuela Algeri e Giuseppe Manganaro.

Missione Campania, il ritorno. È la seconda volta che da Bruxelles l'Unione Europea giunge ad indagare direttamente sulla cosiddetta "emergenza rifiuti". La prima volta si trattava della commissione petizioni, arrivata in risposta ad una chiamata popolare, questa volta si tratta direttamente della Commissione Europea: il "governo" d'Europa.
Nonostante il premier Berlusconi abbia più volte ribadito che il problema non esiste o che comunque è gia risolto, l'ultima proprio ieri sera in una telefonata alla trasmissione Ballarò, l'opinione di cittadini e istituzioni europee su tal punto è molto diversa.
I nodi sono gli stessi, da anni: non esiste un piano coerente per un ciclo integrato dei rifiuti. Gli inceneritori, soluzione finale nella visione del governo, richiedono molto tempo e molto denaro per essere costruiti. Ovviamente questo denaro deve venire da investimenti privati, quindi chi lo investe pretende un cospicuo margine di guadagno, di conseguenza i rifiuti attendono, fermi a Taverna del Re o in altri siti di stoccaggio "temporaneo", di poter essere bruciati con profitto. Profitto che verrebbe dai contributi statali per le energie alternative (i cosiddetti CIP6 in teoria destinati alle energie "pulite") dalla vendita della suddetta energia alla rete nazionale, e dal costo del "servizio" di incenerimento che comunque le province dovrebbero pagare.
Mentre questa macchina del business tarda ad ingranare, il governo e la Protezione civile si affannano a ripetere che è tutto sotto controllo, quando invece è palese il contrario. Nuove discariche e nuovi siti di stoccaggio sono le soluzioni previste per risolvere l'emergenza, provvedimenti "tampone" in attesa dei nuovi termovalorizzatori.

Il giudizio dell'Ue. In questo quadro, la visita della delegazione della Commissione Europea di questi giorni arriva con lo scopo di capire se sbloccare i fondi EU da destinare alla Campania, oppure no.
Dopo avere visitato l'inceneritore di Acerra e il deposito di stoccaggio temporaneo (così definito) di ecoballe di Taverna del Re (la cui piazzola antincendio da poco è anche diventata una discarica a cielo aperto come Ferrandelle), gli eurodeputati hanno incontrato il presidente Legambiente Campania, Michele Buonomo, il presidente Wwf CampaniaAlessandro Gatto e tre rappresentanti del Co.re.ri (Coordinamento regionale rifiuti, ndr), Nicola Capone, Elena Vellusi e Lorenzo Tessitore.
L'incontro si è tenuto a porte chiuse alle ore 14:00 presso gli uffici del Consiglio regionale, e per più di un'ora la delegazione ha ascoltato sia le denunce che le osservazioni delle associazioni in merito alle linee programmatiche inerenti la gestione dei rifiuti elaborate dalla giunta regionale.
Pia Bucella ha spiegato ai suoi interlocutori che l'Assessore all'Ambiente della Regione Campania, nell'incontro con la delegazione, aveva parlato di un piano di gestione rifiuti che a breve la Regione proporrà al governo, e di conseguenza alla EU. La Commissione Europea, ha spiegato inoltre la Bucella, ha limitato potere riguardo alle strategie governative italiane in tema di gestione rifiuti, ma potrà sicuramente decidere di sbloccare i fondi e affidarli alla Regione Campania qualora un piano rifiuti coerente e fattibile venga presentato, oppure intervenire, bloccando i fondi e prevedendo eventuali multe nei confronti dell'Italia, nel caso in cui il piano proposto sovverta la gerarchia delle operazioni indicate dalla recente direttiva europea che vede al primo posto la raccolta differenziata e il recupero e riciclo della materia.

Inceneritori, la strada che non piace. Dopodichè la Bucella ha voluto conoscere il parere dei rappresentanti delle associazioni ambientaliste e del Co.Re.Ri. in merito alle linee programmatiche della Regione Campania e all'ipotesi di piano annunciata dall'Assessore Romano. "La risposta del Co.Re.Ri. in particolare", ci spiega Lorenzo Tessitore "è stata che ovviamente il piano, essendo ancora sconosciuto, non può essere commentato, ma che sicuramente se si basa sull'incenerimento (con due inceneritori previsti, uno a Salerno e una a Santa Maria la Fossa e forse un terzo a Giugliano) non può che guadagnarsi la nostra disapprovazione". In primis perché il Co.re.ri non ritiene che l'incenerimento sia un corretto metodo di gestione del rifiuto, e in secondo luogo perché un impianto d'incenerimento necessita di tempi di costruzione di almeno 4 anni - il che significherebbe, nella migliore delle ipotesi, nuove discariche", spiega Tessitore.

La soluzione, ha evidenziato il Co.re.ri, consegnando alla delegazione anche le proprie proposte redatte da tempo, piuttosto può consistere nel ‘rivalutare' e ‘riconvertire' gli impianti ex-CDR (oggi STIR) esistenti, facendoli diventare impianti di trattamento meccanico manuale con estrusione a freddo. Inoltre, bisognerebbe mettere in esercizio in tempi brevi gli 11 impianti di compostaggio già programmati, finanziati e in parte costruiti. "A tal proposito", continua Tessitore, "noi come Co.Re.Ri abbiamo evidenziato come in questi anni la raccolta differenziata sia stata di fatto impedita dai costi esorbitanti per lo smaltimento, fuori regione, della frazione organica e perché nessuna filiera dei materiali è stata organizzata per il reale recupero della materia selezionata. In questo senso le nostre proposte si prefiggono di supportare l'implementazione di una raccolta differenziata seria, abbandonando progressivamente le discariche e gli impianti di incenerimento."

Basta deroghe. Importante - hanno poi sottolineato i rappresentanti del Co.Re.Ri - è che in Campania si metta fine una volta per tutte alla normativa derogatoria in materia di gestione rifiuti in Campania. Ci spiega Tessitore: "Non va bene che in Campania si continui a governare la gestione rifiuti in deroga alle normative italiane ed europee. Non solo, questo modello di gestione scellerato si sta pericolosamente allargando al resto d'Italia, visto che il nuovo decreto legislativo di attuazione dell'ultima direttiva comunitaria (approvato il 19 novembre scorso dal governo e in corso di pubblicazione) fa si che la priorità non sia assolutamente la raccolta differenziata, tant' è che consente ai Comuni di derogare all'obbligo di raggiungere le percentuali di raccolta differenziata previste dalla normativa qualora ci siano comuni cosiddetti virtuosi nelle vicinanze. In pratica, se un comune fa il 90% di raccolta differenziata, gli altri comuni limitrofi possono permettersi di fare anche meno del 30%, tanto il comune riciclone tira su la media. E la parte indifferenziata può andare ad incenerimento."
In risposta alle preoccupazioni del Co.re.ri la delegazione ha evidenziato che tra i suoi compiti rientra anche la verifica del corretto recepimento, da parte del governo italiano, delle normative comunitarie. Per questo, qualora dovesse ritenere questo nuovo decreto irrispettoso delle normative europee, si dice pronta ad agire per assicurare il completo rispetto delle leggi europee in materia di gestione rifiuti.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 novembre

Guida Michelin 2018, brillano le stelle di "Casa Vissani", "La Parolina" e "Castello di Fighine"

Lo specchio etrusco con i Dioscuri esposto all'Antiquarium Comunale

"Un mondo di fiabe", letture ad alta voce nelle Scuole Primarie

"Alta Velocità e miglioramento del trasporto ferroviario locale. Serve un impegno concreto"

Karate, al via stagione agonistica Fik 2017-2018 con la quarta Golden Cup

Vicenda parcheggi: insinuazioni inaccettabili

Dalla storia medievale, idee e spunti per la Orvieto del futuro

Assemblea regionale sulla sicurezza sul lavoro di Cgil, Cisl e Uil

Al castello di Bartolomeo la storia di Invernizzi, 40mila chilometri e cinque continenti in sella alla sua bici

Gli allievi dell'Istituto Alberghiero coinvolti nel progetto "Identità e territorio"

Firmato l'accordo di programma per il nuovo svincolo in uscita dal raccordo Perugia - Bettolle

Nuova auto per la Polizia Locale. Impegno su sicurezza e controllo del territorio

Fondo utenze deboli, prorogato al 31 dicembre il termine ultimo per presentare domanda di ammissione

Proposta della candidatura di Fausto Cerulli al prossimo Premio Nobel per la Letteratura del 2018

La Vetrya Orvieto Basket ritrova la vittoria tra le mura amiche

Roberto Burioni presenta il libro "La congiura dei somari"

"Orvieto StreetArt" presenta l'opera dedicata ad Aldo Netti

Weekend ricco di soddisfazioni per l'Orvieto FC

"Nessun impianto di Css a Orvieto", Nevi chiede dimissioni a Germani

Ancora un successo per Francesco Barberini con il suo nuovo video in Piemonte

Don Eugenio Campini è ufficialmente il nuovo parroco di Allerona Scalo

L'Albero dei Diritti mette radici nel giardino dell'Asilo Nido "Il Grillo Parlante"

Orvieto celebra la Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne

Sì al progetto per la gestione associata delle funzioni, Porano Comune capofila

Germani scrive al CorSera: "Servizi al cittadino e aree interne, apriamo un dibattito"

Lavori sugli immobili, traffico temporaneamente interrotto in Via Alberici e Via Filippeschi

Orvieto commemora la figura di Padre Chiti, generale dei Granatieri e soldato di Dio

Baschi verdi, cerimonia conclusiva del corso. Modifiche alla viabilità in Piazza XXIX Marzo

"Umbria, il tuo regalo di Natale". Presentata la nuova campagna di promozione turistica

Acea in commissione, verso il superamento di inceneritore e discarica

"Visti da vicino". Mostra nella Collegiata dei Santi Giovanni e Andrea Apostoli

Riqualificazione della stazione, presto il via libera delle FS all'inizio dei lavori

Parrano riflette su "La tutela delle donne nel mondo del lavoro"

Mister Fatone carica l'Orvietana in vista del Subasio

La parete della Scuola dell'Infanzia ospita il murale "L'albero che suona" di Salvatore Ravo

Si presenta "Presenze ebraiche in Umbria meridionale dal medioevo all'età moderna"

Un Lucca inarrestabile piega Azzurra Iemmeci 63 a 47

20 novembre, Giornata mondiale dell'Infanzia: in Italia non tutto è da festeggiare

Pendolari: il nuovo orario non tiene fede agli impegni. Gli amministratori si mobilitino per salvare il salvabile

Altra Città presenta un'interpellanza sui disagi del nuovo orario e sollecita il Consiglio Comunale aperto richiesto dai pendolari

Le biblioteche come servizio per gli amministratori locali: seminario di formazione/informazione. Mercoledì 21 novembre a Palazzo dei Sette

I problemi dei pendolari orvietani in un ordine del giorno del gruppo misto provinciale di Sinistra Democratica

Emma Dante a Orvieto per 'Migrazioni' con 'Il festino': storia di un'esistenza difficile

Basket. Colpo di scena in Azzurra Iemmeci: Angelo Bondi subentra in panchina a Massimo Verdi

Nuovo orario ferroviario, niente passi in avanti. Ora basta: i pendolari umbri in stato di agitazione

Concluse le semifinali di Sanremolab: ecco i quaranta ammessi in finale

Butto, aggiornato o riciclo integrato?

Gemellaggio in onore di sua maestà il Tartufo

Forza Italia Orvieto rilancia la battaglia contro la tassa del Consorzio di bonifica Val di Chiana

A fine novembre le 'Seconde giornate cardiologiche Orvietane' : un evento scientifico sempre più qualificato

'Sacro sono': musica ed enogastronomia di qualità per il Natale nell'Amerino. Presentata in Provincia la prima edizione

Servizio idrico: accelerare i tempi sulla nuova proposta di legge. Un odg del Consiglio provinciale

Eclatante vittoria della Coar femminile sullo Scheggia 10 a 4