ambiente

Appello del CORØ  (Coordinamento orvietano rifiuti zero) ai consiglieri del Comune di Orvieto che lunedì 22 novembre 2010 dovranno votare la mozione in merito alla discarica

domenica 21 novembre 2010
di Coordinamento orvietano rifiuti zero

Lunedì 22 novembre 2010 si discuterà in Consiglio comunale la mozione proposta dal consigliere Pier Luigi Leoni e firmata da altri 6 consiglieri (Luciano Cencioni - PdL, Giuseppe Germani - PD, Evasio Gialletti - PSI, Gianluca Luciani - PdL, Oriano Ricci - PD e Carlo Tonelli- PdCI) in cui si chiede di dare inizio al procedimento per la costituzione del "Parco Intercomunale dei Calanchi", ridefinendo la zona destinata attualmente allo smaltimento dei rifiuti e allo stesso tempo sviluppando un sistema di gestione dei rifiuti che vada verso il riciclo integrale in cui la parte residuale possa essere destinata a completamento dell'attuale discarica.

Lunedì prossimo sarà una data storica perché si discuterà e si capirà del futuro di questa città. Il Consiglio comunale si troverà a dichiarare pubblicamente quale sarà la sua politica ambientale: se dovrà andare nella direzione degli interessi di Acea o verso quella del comune e dei suoi cittadini.

IL CORØ SI APPELLA AI CONSIGLIERI perché approvino la mozione ribadendo a ognuno di essi che i cittadini sono spettatori attenti e giudicheranno su come i consiglieri eserciteranno la loro responsabilità nella tutela dei beni comuni.

Non è più tempo di ambiguità, se questa dovesse prevalere sarà palese che questa amministrazione non ha intenzione di fare il bene né dei suoi cittadini né della città.

Pubblicato da cittadino che legge il 21 novembre 2010 alle ore 12:53
Per una corretta informazione del cittadino
SAO informa. PROGETTO DI REVAMPING DELLIMPIANTO DI TRATTAMENTO RIFIUTI ED
AMPLIAMENTO DELLA DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI LOCALIT PIAN DEL
VANTAGGIO 35/A - ORVIETO
di SAO - Gruppo Acea
S.A.O. Servizi Ambientali S.p.A. una societ del gruppo ACEA specializzata
in servizi di igiene urbana, trattamento, recupero e smaltimento di rifiuti
solidi urbani e speciali. L'Azienda gestisce il polo impiantistico di messa in
riserva selezione, trattamento, smaltimento rifiuti non pericolosi e
compostaggio di qualit ubicato nel territorio del comune di Orvieto in loc.
Pian del Vantaggio 35/a.
La societ, che opera dal 1989, si dotata di un sistema integrato sicurezza-
ambiente certificato da enti indipendenti in base alla norme internazionali UNI
EN ISO 14001:2004 per quanto concerne la sicurezza ambientale e OHSAS 18001:
2007 per quanto riguarda la sicurezza.
L'azienda ha inoltre ottenuto l'attestazione EMAS in base al regolamento CE
1221/09 ed in attesa della registrazione della propria "dichiarazione
ambientale" da parte degli organi Ministero dell'Ambiente.

S.A.O. il 16 giugno 2010 ha presentato agli organi competenti della Regione
Umbria e della Provincia di Terni il progetto di "REVAMPING DELL'IMPIANTO DI
TRATTAMENTO RIFIUTI ED AMPLIAMENTO DELLA DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI".
Nella elaborazione dello stesso si tenuto conto sia degli obiettivi indicati
nel Piano Regionale di gestione dei rifiuti circa il raggiungimento delle quote
di raccolta differenziata del 45% nel 2010 e del 65,5% nel 2012, sia del fatto
che complessivamente nell'ATI 4 tali obiettivi non sono ad oggi sostenuti da
risultanze effettive.
La filosofia alla base di questo progetto la conformit ai principi di
massimo recupero dei materiali e di energia al fine di favorire la produzione
di energia da fonti rinnovabili e di ridurre al massimo le necessit di
discarica.

Gli obiettivi principali del progetto sopra citato sono quindi i seguenti:


massimo recupero di materia ed energia in linea con il Protocollo di Kyoto.
Complessivamente l'impiantistica S.A.O. permetter di risparmiare circa 100.000
TEP (tonnellate equivalenti di petrolio) e 378.000 tonnellate di gas serra;
rinnovare e migliorare la qualit tecnologica dell'intero polo
impiantistico;
conseguire pi elevati standard di efficienza e sicurezza;
fronteggiare le esigenze di conferimento in linea con l'indirizzo degli
strumenti di pianificazione regionali e nazionali, delle norme e delle migliori
tecniche disponibili.
Gli strumenti principali individuati per realizzare quanto sopra sono i
seguenti: un nuovo impianto di trattamento che prevede il miglioramento del
processo biologico mediante una sezione di digestione anaerobica con produzione
di energia, ed ottimizzazione dei processi di recupero gi in atto, mediante la
sostituzione del trattamento aerobico preesistente con un'altra
tecnologicamente avanzata (biotunnel aerobici) con la produzione di compost di
qualit; il potenziamento della "messa in riserva" per il recupero delle
frazioni raccolte in modo differenziato (carta, cartone, plastica, vetro,
alluminio, metalli); ampliamento della discarica per rifiuti non pericolosi.

La nuova configurazione dell'impianto di trattamento, cuore del progetto, con
la sezione di digestione anaerobica combinata con la nuova tecnologia della
sezione aerobica, permettono di adottare un processo di alta efficienza. La
digestione anaerobica, trasformando il carbonio biologico in combustibile
(biogas), produce energia da fonte rinnovabile (circa 7.800.000 kWh/anno), con
conseguente risparmio di combustibili fossili e di emissioni.
La nuova tecnologia impiegata per il trattamento aerobico di compostaggio,
effettuata dopo il trattamento anaerobico, consente di produrre compost di
qualit: un ammendante agricolo di qualit superiore da impiegare in
agricoltura, florovivaistica ed in ripristini ambientali.
Questo processo fa s che il ciclo ambientale della biomassa sia chiuso:
produzione, consumo e riutilizzo. Inoltre il medesimo processo consente di
minimizzare le emissioni in atmosfera ed il ricorso all'utilizzo della
discarica.

Per quanto sopra diviene determinante, da parte dei Comuni che conferiscono
presso il nostro polo impiantistico, l'implementazione in qualit e quantit
della raccolta differenziata del rifiuto organico e verde.
Con il potenziamento dell'attivit di messa in riserva, che consiste
nell'eliminazione delle impurit rilevanti e nello stoccaggio provvisorio degli
altri materiali raccolti in modo differenziato, carta e cartone, plastica,
vetro, alluminio, metalli, questi vengono valorizzati attraverso la loro
immissione nei circuiti dei consorzi CONAI. Tale pratica oltrech la
corresponsione di un prezzo costante nell'anno, non soggetto alle fluttuazioni
di mercato, garantisce l'effettivo invio al riutilizzo dei materiali
riciclati.

Il nuovo impianto di trattamento rifiuti consentir inoltre di effettuare un
trattamento ad alta efficienza sui rifiuti urbani indifferenziati residui
(quelli non raccolti in modo differenziato) con i seguenti principali vantaggi:
elevata biostabilizzazione della frazione organica con abbattimento delle
emissioni (biogas e percolato), recupero della frazione secca finalizzata alla
termovalorizzazione, recupero dei metalli, massima riduzione volumetrica dei
rifiuti residui con conseguente minimizzazione dell'impegno degli spazi di
discarica e prolungamento della vita utile di quest'ultima.
Come peraltro gi illustrato nella fase di VAS del Piano d'Ambito, il mancato
raggiungimento delle percentuali di raccolta differenziata nei tempi previsti
dalla vigente normativa nazionale (45 % entro il corrente anno e 65,5 % entro
il 2012) determina un dilatarsi della fase di transizione di 4 anni, con un
raggiungimento del regime obiettivo (65,5%) prevista quindi nel 2016. In questo
senso la soluzione impiantistica prevista da S.A.O. garantisce il
soddisfacimento dei fabbisogni di discarica nel transitorio e negli anni
successivi al raggiungimento delle quote previste e quindi la continuit del
servizio pubblico essenziale di smaltimento rifiuti a fronte dell'esaurimento
dell'attuale discarica previsto per il 2012.

L'ampliamento della discarica previsto in due fasi. Nella prima si prevede
la sopraelevazione della discarica in esercizio di un ulteriore gradone
rispetto ai 9 previsti nel progetto iniziale. L'altezza della sopraelevazione
pari a circa 9 metri rispetto alla quota inizialmente prevista. Tale
sopraelevazione necessaria per garantire il servizio di smaltimento nel
periodo di messa in esercizio della fase 2 che prevede l'ampliamento della
discarica nell'area contigua all'impianto esistente. La volumetria della nuova
discarica, invece, tenuto conto degli obiettivi di raccolta differenziata
previsti e dato per certo il loro raggiungimento, sar pari a circa la met di
quella della discarica oggi in esercizio, si tratter quindi di un sito di
smaltimento di modeste dimensioni, la cui capacit ricettiva prevista fino a
tutto il 2027.
Come gi precedentemente evidenziato sar quindi determinante il perseguimento
ed il raggiungimento delle quote di raccolta differenziata nel pi breve tempo
possibile.

Altro aspetto importante la sicurezza ambientale del medesimo sito, dovuta
all'indubbio vantaggio di operare in un'area priva di circolazione idrica e
alle tecniche costruttive e di gestione adottate nel progetto di ampliamento,
che prevedono l'integrazione dell'esistente barriera geologica naturale con
un'ulteriore barriera di confinamento del fondo e delle sponde. Inoltre la
barriera geologica naturale di argilla pliocenica garantisce, nel lungo
periodo, la protezione del suolo e del sottosuolo.
A garanzia della popolazione doveroso far sapere che gli impianti di S.A.O.
sono sotto il continuo monitoraggio degli Enti competenti preposti, Provincia,
ARPA, ASL ai quali si aggiungono periodiche controlli del N.O.E. dei
Carabinieri, della Guardia Forestale, ecc.
Annualmente viene effettuato il monitoraggio delle emissioni in atmosfera con
obbligo di comunicazione all'ARPA. Sempre annualmente la Societ provvede a far
effettuare da un laboratorio indipendente il monitoraggio degli agenti chimici
aerodispersi nei luoghi di lavoro del polo impiantistico.
Il progetto di S.A.O. avr altres, dal punto di vista economico e sociale,
rilevanti ricadute positive sul territorio.
Da una parte, infatti, il notevole valore dell'investimento della Societ sar
occasione anche per le aziende locali di partecipare alle importanti gare di
appalto per le opere necessarie alla realizzazione di quanto previsto dal
progetto stesso. Inoltre la nuova configurazione impiantistica richieder un
incremento di manodopera qualificata e delle attivit dell'indotto. Si avr
quindi anche un'interessante opportunit per nuove occupazioni.

Infine S.A.O. ed ACEA rinnovano l'invito agli amministratori ed alle
associazioni, gi avanzato in occasione dell'audizione della IV Commissione
Consiliare Permanente del Comune di Orvieto, a visitare il Polo Impiantistico
di Orvieto.
Pubblicato da occhio di falco il 21 novembre 2010 alle ore 18:30
.......e dopo tutte queste intimidazioni agli amministratori vediamo chi avr il coraggio di non eseguire gli ordini. Attenzione per, gli elettori sono anche quelli che non fanno parte di certe associazioni.
Pubblicato da Marta il 21 novembre 2010 alle ore 19:14
Caro "cittadino che legge", ma i contenuti di questo suo 'commento', diciamo cos, non erano gi ben presenti sulla pagina principale di questo quotidiano on line come redazionale (senza possibilit di commento quindi) "Sao informa..."?
La rimando ai commenti del precedente articolo del COR0 sulle grosse criticit che il progetto Sao presenta...o opportuno che li copi/incolli tutti qui anche io?
Pubblicato da serena il 21 novembre 2010 alle ore 20:01

occhio di falco, quando la terza discarica e la gestione delle prime due presenteranno criticità chiameremo lei a risolverle, va bene?ma tutti i risultati dei controlli che fa sao..cito testuale' monitoraggio degli Enti competenti preposti, Provincia,ARPA, ASL ai quali si aggiungono periodiche controlli del N.O.E. dei Carabinieri, della Guardia Forestale, ecc. se sono così accurati e professionali mi chiedo: PERCHè NON LI RENDONO PUBBLICI ALLA CITTADINANZA CHE HA DIRITTO DI SAPERE COSA STA RISCHIANDO NELL'AVERE UNA DISCARICA A POCHI KM O ADDIRITTURA CENTINAIA DI METRI DA AGGLOMERATI URBANI? CHIEDO PUBBLICAMENTE CHE I RISULTATI DI QUESTI MONITORAGGI VENGANO RESI TRASPARENTI A TUTTI ED OGNI CITTADINO DEVE PRETENDERLO!

Pubblicato da Gianni Mencarelli il 21 novembre 2010 alle ore 21:41
purtroppo luned assisteremo al solito rituale,parole tante, ma fatti nessuno; vero, ci raccomandiamo al buon senso degli amministratori,perch sono loro che sono chiamati dai cittadini ad interpretane i problemi presenti e FUTURI. Ora che siamo ancora in tempo a prendere decisioni sagge,confortati anche dall'esperienze nel settore, e dagli errori commessi da altri,che sono in qualche caso irreversibili, non lasciamoci "intimidire", affrontiamo il problema dei rifiuti in modo scientifico guardando l'ambiente,ma anche le possibilit di sviluppo,sediamoci ad un unico tavolo e programmiamo il futuro negli interessi generali e non particolari dell'uno o dell'altro. vedrete che migliori soluzioni saranno possibili, per il momento non abbiamo bisogno di una terza discarica,a meno che Orvieto non aspiri a diventare il BUTTO di tutta l'UMBRIA e delle regioni limitrofe.
Pubblicato da maurizio conticelli il 22 novembre 2010 alle ore 14:54
Il COR0 delle associazioni ambientaliste e dei comitati non avanza solo critiche, peraltro in armonia con il redigendo piano paesaggistico regionale, ma propone soluzioni alternative con ampie ricadute economiche ed occupazionali, oltre che maggiormente rispettose dell'ambiente, mentre il coro dei sindacati (vedi comunicato stampa del 18 nov. sul sito del Comune) sembra tutto abbarbicato su posizioni conservazionistiche che non fanno bene allo sviluppo del nostro territorio.
Maurizio Conticelli
P.S. le scelte politiche sulla gestione del territorio e dei rifiuti dovrebbero appartenere alla sfera pubblica, mentre spetterebbe alle aziende di attuarle. Non deve accadere il contrario.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 12 dicembre

Furti, spaccate e falsi incidenti: il lato "oscuro" del Natale

I vicoli diventano toilette per cani, scoppia la protesta

A Spagliagrano ritiro mensile del clero della Diocesi di Orvieto-Todi

L'Orvietana rallenta, a Giove è pareggio

Grande accoglienzaa Giove, il volto migliore del calcio

Una Vetrya incerottata spreca nell’ultimo quarto

Griffe false, finanza sequestra 6000 capi nell'orvietano

Week end di normale “pazzia” futsalistica per l’Orvieto Fc

Acqua e rifiuti, le scuole visitano gli impianti della provincia

"D'oro e d'argento", rassegna corale di beneficenza al Teatro Boni

Investimento territoriale integrato, ora si passa alla fase operativa

Inaugurati i lavori di Rotecastello, migliorata l'accessibilità al borgo

Semmai un giglio

La Zambelli Orvieto corre forte e semina il San Lazzaro

Orvieto Cittaslow come esempio di turismo culturale a Berlino

Il "frottolo" fiorentino, ovvero: "Chi è causa dei suoi mali..."!

Marta

Parco Nazionale dei Monti Sibillini: rischi lungo i sentieri dopo il sisma, ma non in tutti

Flavio dei miracoli

Risate&Risotti compie dieci anni, in viaggio tra buona cucina e divertimento

La piazza della fontana nascosta

Tradimenti

Cinquanta presepi, mercatini e Babbi Natale in Harley Davidson per le feste

In distribuzione le tessere per i parcheggi gratuiti

Attivata la rete Wi-Fi gratuita in tutto il centro storico

Il Corporale di Orvieto in onda su Rai2 per "Voyager, ai confini della conoscenza"

Controlli intensificati per il Ponte dell'Immacolata, ecco gli esiti

"The Bus Driver is Drunk". Musica live in Piazza della Repubblica

A Castel Viscardo e nelle frazioni si accende il Natale, nel segno della solidarietà

"19 note per un sorriso". Beneficenza insieme a Massimiliano Varrese

Rapina lampo al Monte dei Paschi di Siena, in manette il ladro

Germani rimodula la squadra e va avanti

Senso unico in Via degli Ulivi per lavori urgenti di manutenzione straordinaria della rete idrica

Celebrazioni liturgiche del Natale, tutti gli appuntamenti in Duomo

Selargius spaventa la Azzurra Ceprini

"Un dono per un dono". Mercatino della Croce Rossa in Piazza Gualterio

Meteo

martedì 12 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 12.1ºC 97% foschia direzione vento
15:00 12.0ºC 95% discreta direzione vento
21:00 10.4ºC 98% discreta direzione vento
mercoledì 13 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.3ºC 92% buona direzione vento
15:00 9.6ºC 82% buona direzione vento
21:00 4.3ºC 94% buona direzione vento
giovedì 14 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 6.8ºC 97% discreta direzione vento
15:00 9.6ºC 98% foschia direzione vento
21:00 9.4ºC 98% scarsa direzione vento
venerdì 15 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 98% foschia direzione vento
15:00 11.0ºC 98% foschia direzione vento
21:00 7.5ºC 97% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni