ambiente

Dottorini: "Bene la proposta di Bottini per un tavolo di salvaguardia dell'Alfina, ma bisogna evitare lo scempio dell'ampliamento della cava di castel Viscardo

giovedì 20 novembre 2008
“Siamo soddisfatti della proposta fatta dall’assessore Bottini di convocare un tavolo interregionale per l’ambiente e lo sviluppo sostenibile dell’altopiano dell’Alfina, oramai da troppo tempo oggetto di attenzioni da parte dei signori delle cave. Non possiamo continuare a pensare e ad agire come singola regione quando sono in pericolo risorse naturali e idriche di valenza extraregionale che interessano le vicine popolazioni laziali”. Cosě Il capogruppo dei Verdi e civici in Consiglio regionale, Oliviero Dottorini, ha commentato positivamente la notizia della richiesta da parte della regione Umbria di un tavolo interregionale che, insieme alla regione Lazio, elabori strategie di salvaguardia per un territorio che ha giŕ subito troppi danni da decenni di scavi industriali per estrarre basalto per produzioni non locali. “Consideriamo l’apertura dell’assessore Bottini come un importante primo passo dopo la nostra interrogazione in cui chiedevamo proprio che si facesse partire al piů presto un tavolo tecnico interregionale tra Umbria e Lazio. Quello che viene definito come ‘Gruppo di pilotaggio’ – spiega il presidente del Sole che ride - va esattamente nella direzione che abbiamo auspicato e abbiamo motivo di credere che l’assessore all’Ambiente della regione Lazio Filiberto Zaratti valuterŕ con molta attenzione la proposta avanzata dalla nostra regione”. Secondo Dottorini bisogna essere tuttavia consapevoli che questo atto non puň, da solo, risolvere il problema immediato posto dalla richiesta di ampliamento della principale cava di basalto dell’area, la cava di Castel Viscardo. A quella richiesta infatti ha fatto seguito il parere favorevole della Regione Umbria a un progetto che se confermato, fa ancora notare Dottorini, metterebbe in serio pericolo le due falde acquifere interregionali, le produzioni agricole e la filiera turismo-ambiente-cultura che rappresenta il vero volano di rilancio economico dell’area”. “Bene quindi il protocollo d’intesa e il ‘gruppo di pilotaggio’ proposti da Bottini – conclude Dottorini - magari tenendo aperta un interlocuzione con associazioni e comitati civici che da anni si battono per la salvaguardia e la valorizzazione di quel territorio e sapendo che la questione centrale rimane la necessitŕ di evitare lo scempio di un mega ampliamento da 50 ettari. Un progetto che per dimensioni e impatto mantiene le caratteristiche di un intervento immotivato e difficilmente armonizzabile con le peculiaritŕ ambientali ed economiche dell’altopiano dell’Alfina”.

E gli ambientalisti ricordano al PD locale la posizione di Bracco e della Sinistra ecologista al tempo della cava di Benano

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità