ambiente

Associazioni di nuovo in piazza sulla questione dei rifiuti

domenica 17 febbraio 2008
Per la seconda volta le associazioni Cittadinanza Attiva, Comitato Nazionale per il Paesaggio, WWF e ARS (Ass.ne per il Rinnovamento della Sinistra) sono scese in piazza con un’iniziativa di sensibilizzazione rivolta alla cittadinanza contro l'attuale gestione delle politiche dei rifiuti a Orvieto. “Questa seconda iniziativa si č resa necessaria – affermano le associazioni in questione - in virtů di una mancata risposta esaustiva da parte dell’amministrazione comunale sul delicato tema che, da qualche tempo a questa parte, ha sollevato una lunga serie di polemiche”. Questo il motivo che ha spinto le associazioni sopra riportate ad allestire un gazebo in Piazza Gualterio, per tutta la giornata di sabato 16 febbraio, proponendo che: - ogni territorio debba gestire e smaltire solo i propri rifiuti, - non arrivino rifiuti speciali da tutta Italia nella discarica delle Crete, - non venga dato il permesso di ampliare la discarica per costruirne una nuova nel terzo calanco. I calanchi non sono discariche ma un patrimonio da salvaguardare, - si inizi subito una raccolta differenziata vera. Le associazioni, inoltre, tengono a precisare che le scelte dell’Amministrazione hanno penalizzano Orvieto perché: - č stata firmata una Convenzione che permette l’ingresso nelle Crete di 130000 tonnellate di rifiuti speciali provenienti da tutta Italia i cui proventi vanno a vantaggio della societŕ ACEA, - il piano Regolatore prevede la possibilitŕ di ampliare la discarica nel terzo calanco, - mancano controlli e monitoraggi intorno alla discarica a discapito della salute dei cittadini e dell’ambiente. Questi i punti che le Associazioni hanno voluto ribadire nel volantino informativo distribuito ai cittadini per sottolineare l’obiettivo della propria battaglia: Non permettiamo che Orvieto passi alla storia come “Cittŕ dei rifiuti”. In assenza di rassicurazioni, Cittadinanza Attiva, Comitato Nazionale per il Paesaggio,WWF e ARS , insieme alla cittadinanza e aperte a ogni contributo, promuoveranno una raccolta di firme per un referendum per intervenire su quegli atti ritenuti contrari all’interesse generale.

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 ottobre

Poker dell'Orvietana sul campo del Lama

Blocco Studentesco, sit-in contro "l'ostruzionismo della dirigenza al liceo Gualterio"

Unitus, via al Master "Crisis" su investigazioni e sicurezza

Gitana

Orvieto FC: vincono le ragazze del calcio a 5, sconfitta la prima squadra

Gnagnarini: "Auspico che Palazzo dei Sette torni ad ospitare i sette saggi"

Parcheggi in Piazza Duomo negati alle famiglie dei cresimandi di Fabro. Olimpieri (IeT): "Perchè?"

Un'autoambulanza per i cittadini. "La Locomotiva" chiede il supporto delle associazioni

Donato un servizio di ceramiche all'istituto alberghiero di Amatrice

"Metti via quel cellulare", a casa Cazzullo un confronto tra generazioni

Tornano "I Giorni dell'Olio Nuovo". Anteprima, "I segreti dell'ulivo. Dalla coltivazione alla raccolta"

"Rifiuti tossici, le dichiarazioni del sindaco Germani non bastano"

Vetrya Orvieto Basket di autorità sull'Atomika

Tutti in piazza a San Vito per festeggiare le cento primavere di Cesarina

Rafael Varela realizza un quadro per i trenta anni dell'Associazione "Piero Taruffi"

Interregionale Gpg di Scherma ad Ariccia. Vince Rocchigiani, terze Tognarini e Urbani

Fine settimana a tutto rugby per l'Orvietana

A Foligno i pensionati della Cisl puntano sul territorio e sulla formazione

"Chi legge naviga meglio". Anche un omaggio ad Anna Marchesini per "Libriamoci"

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 17

Premio Vetrya per la migliore tesi di laurea sulle applicazioni di intelligenza artificiale nell'industria 4.0

Confagricoltura rinnova le cariche, Giuseppe Malvetani confermato presidente

Progetto EVA+, attivo il distributore di elettricità per la ricarica veloce dei veicoli

Le akebie di Bianca

Juniores regionale di calcio a 5, reso noto il calendario

Regione Toscana e 13 Comuni firmano il protocollo d'intesa per il rilancio dell'Amiata