ambiente

La sinistra provinciale chiede il ritiro della delibera regionale sui rifiuti. Motivo: prefigura un nuovo piano non discusso con nessuno

giovedì 18 ottobre 2007
Continua ad essere il sistema dei rifiuti l'argomento di grande attualità in Umbria. Si susseguono a ritmo sostenuto, infatti, le discussioni e le prese di posizione sulla delibera regionale che consente di conferire nelle sei discariche umbre i rifiuti speciali, prevedendo nell’impianto dell’ASM di Terni l’incenerimento di rifiuti speciali pericolosi provenienti dal territorio nazionale ed europeo. Ne hanno parlato questa mattina a Palazzo Bazzani, in conferenza stampa, i consiglieri provinciali di sinistra Roberto Forbicioni (Capogruppo Gruppo Misto-SD) Giuseppe Ricci (Gruppo Misto-SD), Leo Venturi (Gruppo Misto-SD), Danilo Buconi (Capogruppo PDCI), Bruno Capalti (Capogruppo PRC) e Roberto Battistoni (PRC), che hanno illustrato il loro pensiero in proposito in una mozione congiunta. Secondo la sinistra della Provincia di Terni la delibera regionale deve essere ritirata perché prefigura, di fatto, un nuovo piano dei rifiuti che però non è stato discusso da nessuno; sul problema andrebbe quindi aperto un dibattito che coinvolga istituzioni e cittadini. Il documento redatto è dunque finalizzato ad attivare un’iniziativa tesa alla definizione di un piano straordinario di risanamento ambientale della Conca ternana, ad affermare il principio dell’autosufficienza regionale anche in riferimento ai rifiuti speciali e pericolosi destinati alle discariche e all’inceneritore, a determinare una programmazione regionale per la gestione dei rifiuti prodotti in Umbria, a potenziare ed esercitare con continuità i controlli di propria pertinenza, dando vita ad un’informazione fruibile, dettagliata, continua, pubblica anche per le comunità”. La mozione si prefigge anche di promuovere la partecipazione di istituzioni e popolazioni interessate prima di prendere decisioni e di richiedere la predisposizione di un nuovo Piano regionale di gestione dei rifiuti speciali. I rappresentanti dei Gruppi Misto-SD, PDCI e PRC hanno inoltre sottolineato che la delibera regionale è stata approvata senza alcun coinvolgimento né della Commissione consiliare competente di Palazzo Cesaroni, né dello stesso Consiglio regionale, unico soggetto competente ad apportare modifiche al vigente Piano regionale dei rifiuti speciali. “Così facendo – hanno affermato i consiglieri di sinistra - si predeterminano cambiamenti che delineano un nuovo Piano rifiuti, più volte annunciato e mai discusso in Regione, né concertato con le altre Istituzioni e con le parti sociali, né partecipato con le comunità. Sarebbe invece stato preferibile dare attuazione in questi anni al riequilibrio dei bacini per il conferimento degli RSU al fine di risolvere la questione relativa alla economicità degli impianti”. Un’altra opportunità è stata individuata nella verifica preventiva sulla situazione degli impianti esistenti, indicando tutti quegli elementi di programmazione regionale volti ad affermare “da un lato il principio dell’autosufficienza e della prossimità, dall’altro quello del dimensionamento degli impianti necessari per l’Umbria”. I Gruppi consiliari di sinistra hanno poi definito la raccolta differenziata ”assolutamente insufficiente”, ritenendo “inderogabile imprimere un forte impulso in questa direzione, abbattendo fino al 20% la quantità di rifiuti da incenerire ed aumentando fino all’80% la raccolta differenziata”. Grande attenzione è stata infine posta ai controlli sulla qualità dei rifiuti trattati, sulla gestione finanziaria per raggiungere la miglior tariffa possibile e sulla capienza degli impianti per verificarne il periodo di vita residua. Un’ultima critica è stata infine rivolta alla convenzione tra ATO 4 e Società SAO di Orvieto sulle nuove tariffe e le condizioni di conferimento dei rifiuti presso la discarica “Le Crete”, che fissa la condizione che i rifiuti speciali, determinati in 129 mila tonnellate, provengano da tutto il territorio nazionale. Al riguardo è stato chiesto di attivare tutte le procedure per richiedere all’ATO 4 la modifica della convenzione approvata il 13 agosto 2004. “Non c’è nessuna volontà – hanno concluso i rappresentanti dei Gruppi di sinistra – di rimettere in discussione gli equilibri politico-istituzionali delle attuali maggioranze, ma solo l’intenzione di coinvolgere in un processo così importante dal punto di vista ambientale e della salute le comunità interessate”.

Anche l'Ars ritiene che la delibera vada riconsiderata: bloccare le tariffe e rivedere la gestione globale dei rifiuti in Umbria

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 dicembre

Anatomia di un addio

Fine settimana da incorniciare per l'Orvieto FC. Palmerini: "Stiamo crescendo"

"Tanto per dire", seconda edizione. Al Liceo Classico "Tacito" torna il corso di dizione

Jazz e strumenti antichi al Museo Archeologico Nazionale in occasione di Ujw

Celebrata la Giornata Garibaldina, in memoria della battaglia di Mentana

Inaugurata la prima area di sgambatura per cani, previste altre due

Denunciata dalla Polizia una giovane pluripregiudicata

Partita la procedura di rilascio del passaporto elettronico

Rischio ghiaccio per i contatori, i consigli per proteggerli ed evitare spese

Umbria.GO raddoppia e si presenta nella versione dedicata ai pendolari regionali

Campagna Ocm Vino 2017/2018, incrementate le risorse a sostegno delle imprese

"Intrecci", inaugurata la scuola di alta formazione della famiglia Cotarella

"Concerto di Natale" nella Sala Unità d'Italia del Palazzo Comunale

"Geotermia a bassa e media entalpia, rischi e conseguenze"

"È nato un Re povero". Rappresentazione nei Giardini di Villa Faina

Presentata l'edizione 2018 della "Guida ai sapori e ai piaceri della regione Umbria" di Repubblica

Vetrya riceve il Premio Imprese per l'Innovazione di Confindustria e il Premio dei Premi dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri

Eletto il nuovo Coordinamento delle Cittaslow Italiane. Barbara Paron al vertice

Il tenente Giuseppe Viviano è il nuovo comandante della Compagnia Carabinieri

"Madonna con Bambino appare a San Filippo Neri", il dipinto su tela torna a splendere

Storia e segreti di Palazzo Franciosoni nel volume "Anatomia di un palazzo"

E dico ancora di Bianca

"La Tregua di Natale. Lettere dal Fronte". Lettura ad alta voce in Biblioteca

Nuovo video di Francesco Barberini in Campania con la LIPU

Infiltrazione d'acqua a scuola, le precisazioni del Comune

La Coar torna dalla Sardegna come capolista e Pellegrini fa 100.

Libertas Orvieto: sconfitta con onore a Selci

FS - Abbonati al ritardo. Un invito a sottoscrivere la petizione online di Cittadinanzattiva

Lungo e scintillante week end per la rassegna "Sacro Sòno". Eventi a Baschi, Penna e Guardea

Concerto di Natale e premiazione del Concorso Giovani Musicisti Orvietani. Si rinnova l'appuntamento della Presidenza del Consiglio

Concerti natalizi della Banda musicale Città di Orvieto. Il 26 dicembre nella Chiesa di Sferracavallo

Presentazione a Perugia del Volume del Catalogo regionale dedicato all'Antiquarium di Baschi

Bandi della Comunità Montana per la concessione di strutture demaniali ristrutturate: un'azione mirata allo sviluppo sostenibile del territorio

Domenica 21 dicembre 7° Cross "Città di San Gemini"

Buconi: primarie vere con candidati delle sinistre che fronteggino quelli del PD

Treni e disservizi. L'assessore Mascio chiede una riunione urgente a Trenitalia

"Questione morale". La Sinistra Unitaria Orvietana ripropone l'intervista di Scalfari a Enrico Berlinguer, Repubblica luglio 1981

Volley Team Banca Euromobiliare Orvieto. Sabato al PalaCiconia le orvietane chiudono lÂ’anno contro il Marsciano

È nellÂ’interesse dellÂ’Italia marginalizzare lÂ’agricoltura? Note sul decreto-legge 171/2008 “Rilancio competitivo del settore agroalimentare”

Respinto il ricorso contro il risarcimento a Stefano Melone. Mocio: siamo stati sempre vicini alla lotta della famiglia