---

Parrano val bene una messa

venerdì 26 aprile 2002
di Fausto Cerulli
Parrano val bene una messa. Da giorni la stampa locale, facendosi portavoce e portasilenzio della politica locale, ha posto Parrano al centro del mondo, facendo incazzare i folignati perché Fulignu č lu centru de lu munnu. Scherzi a parte, si tratta di una questione seria, non fosse altro perché č il solo accidente-incidente che si presenta alla Politica elettorale di questa poco importante tornata del bel maggio. E’ evidente che Parrano č solo un pretesto: io amo assai quel paese arroccato e silenzioso, dove abita un mio amico architetto che non si occupa di politica attiva, ma se ne preoccupa. E dove per fare due liste di candidati, visto il calo demografico, qualche candidato si inventa un nome falso e si iscrive a tutte e due. Parrano: chi l’avrebbe detto che sarebbe salita alla gloria degli altari politici, scatenando ire e rancori, rischiando di sfasciare coalizioni che hanno resistito a ben altre tensioni, si fa per dire. Ho seguito per giorni le vicende dello Sdi che litigava con i diesse: ma da antico socialista giŕ sapevo come andava a finire. I compagni dello Sdi avranno incassato qualche posto sottobanco e via col tango. Non lo dico per parlar male: che c’č di male nella lottizzazione delle cariche, lo fanno anche alla Corte Costituzionale ( Vaccarella avvocato di Berlusconi, e Ugo Di Siervo che difese il pontefice Scalfaro dalle accuse cossighiane di aver intascato i fondi neri del Sisde..ma questa č un’altra storia) e non vedo perché Orvieto debba essere da meno. A sinistra, alla fine, pace e bene: e il Comune di Parrano quasi in tasca. Poi viene fuori la Casa delle libertŕ, che se fosse la Casa della Libertŕ sarebbe una casa dignitosa, ma essendo casa delle libertŕ assomiglia sempre di piů alla diccě, pace all’anima sua. Fateci caso e scusate il bisticcio di parole: la Casa delle libertŕ nasce da Forza Italia, e se non fosse per Berlusconi ( che Dio l’abbia in gloria, se non ci fosse bisognerebbe inventarlo: e pensare che c’č gente che addirittura pensa ad un nuovo ventennio..di che? Di barzellette?) se non ci fosse dunque il Berlusca quella Casa sarebbe deserta come un castello stregato. Eppure a Orvieto quella Casa č un casotto; litigano dentro Forza Italia: non č un pettegolezzo che Parrano ( Parrano persona e non Parrano paese. Perň che coincidenza..) e Turreni si vogliono bene come Mancuso e Scalfaro, mutatis mutandis. An va avanti per la sua strada, tra qualche gita a Predappio e qualche incursione passeggera nella democrazia. I socialisti di De Michelis, che non c’entrano niente con lo Sdi - Cristo mi gira la testa con tutti questi partiti; ma non c’era il bipartitismo?- ma che sotto sotto sempre socialisti sono, fin qui erano stati buoni: anche perché se stavano cattivi nessuno se ne accorgeva. Adesso tocca a loro, parranare. E il mio amico Stefano Moretti ( quanti Stefani ad Orvieto, sarŕ per via del Porcari morto ammazzato qualche secolo fa e magari fecero anche bene..ma questa rič un’altra storia…) riscopre, in occasione del 25 aprile, il suo antifascismo militante: e spara a zero contro l’idea di candidare uno di An a Sindaco di Parrano. La motivazione, Stefano mi perdonerŕ, non mi par chiara; che vuol dire che il centro-sinistra prenderŕ il 70% dei voti e che dunque non si puň candidare un Annino, chissŕ se si dice cosě? Mi verrebbe in mente una spiegazione maligna, ma” a pensar male si fa bene ma a dirlo si rischia una denuncia”. E quindi qui lo dico e qui lo nego: ma Tedeschini, a Stefano, non gli sarŕ mica parente? In socialismo, intendo. Parrano val bene una messa. Il mio amico architetto parranese non sarŕ contento: con questo scampanio di messe, addio la quiete di Parrano, il suo maestoso elegantissimo silenzio.

Commenta su Facebook

Accadeva il 11 dicembre

"ValorePaese". Immobili in concessione, con la promessa di rinascita

Pronta la prima area di sgambatura per cani, già previste altre due

Cena degli Auguri di Natale ed assemblea generale per l'Unitre

Vetrya Orvieto Basket d'autorità in casa della capolista

"Questa nostra Italia". In tanti a Orvieto per l'ultimo libro di Corrado Augias

Pulcinella

Orvieto FC, la prima squadra ritorna in vetta. Momento magico per la società

Orvieto Comune Europeo dello Sport 2017, la tribuna dello Stadio ha il tetto bucato

Quella faccenda lunga della "Settimana Corta"

Comitato Pendolari Roma-Firenze: "Delusi dall'assessore Chianella"

L'Orvietana mette paura alla capolista

In Via Vecchietti torna il Mercatino di Natale della Solidarietà

Pagamento mensa e trasporti, il bollettino arriva a casa

Torna "Valner.In.A.Box", il regalo che non dimentica l'Umbria post sisma

"Campioni in Cattedra" con il Coni, Alessio Foconi alla Scuola Primaria "Barzini"

Gli studenti dell'Istituto Comprensivo a "Mezzogiorno in famiglia"

Televisori sintonizzati su Raitre, Orvieto in onda su "Geo&Geo"

Assemblea regionale di "Potere al Popolo Umbria"

XXV Convegno Internazionale di Studi su Storia e Archeologia dell'Etruria

Prestiti "ad occhi chiusi" in biblioteca per un invito alla lettura a sorpresa

Guasto meccanico all'ascensore del sottopasso ferroviario

In 350 sulla Rupe per la tre giorni di "Orvieto Tango Winter"

Consulta per il sociale e Consulta giovani al Villaggio di Natale con la mostra di pittura

Medaglia d'Oro alla Protezione Civile, sede umbra collegata per la cerimonia

Raffiche di vento e pioggia, si moltiplicano gli interventi dei Vigili del Fuoco

Giornata di studio all'Unitus, Lazio terreno fertile per il futuro